Lunedì 26 Marzo 2018 - 11:00

Roma, rientra allarme terrorismo su tunisino. Questura: "Non è pericoloso"

Ma le indagini su Atef Mathlouthi continuano

"Rientrato l'allarme sul cittadino tunisino che al momento non è ritenuto un pericolo concreto e attuale". A farlo sapere la questura di Roma che aggiunge: "La vicenda è in fase di ulteriore approfondimento, ma non ha determinato alcuna allerta in considerazione del fatto che l'innalzamento standard della misure di sicurezza per Pasqua era stato già pianificato".

Le indagini su Atef Mathlouthi erano partite dopo che in una lettera anonima, recapitata all'ambasciata a Tunisi, era emersa la sua intenzione di compiere atti di terrorismo nel nostro Paese, prendendo di mira bar, siti turistici, centri commerciali e metropolitana. L'uomo, 41 anni, era stato arrestato più volte arrestato dalla polizia a Palermo per spaccio di droga.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Omicidio a Milano, ragazzina accoltellata in appartamento di via Brioschi

Roma, uccide il cane di suo figlio gettandolo dal settimo piano

L'onorevole Brambilla: "Denunceremo per maltrattamento e violenza privata l'autore di questo inqualificabile gesto"

Studenti contro docente che toglie il crocefisso

Roma, alunno minaccia professoressa: "Ti sciolgo con l'acido"

Il video risale al dicembre del 2016 ma solo tre giorni fa il materiale è stato inviato ai carabinieri del posto

Omicidio Vannini, 14 anni al padre della fidanzata

Il ragazzo, 18 anni, venne ucciso mentre si trovava nella vasca da bagno. Condanne minori per la giovane, la madre e il fratello

Ilaria Cucchi, Lucia Uva e Gianni Tonelli ospiti della trasmissione In mezz'ora

Caso Cucchi, spuntano due relazioni falsificate dei carabinieri

Documenti rifatti per minimizzare la gravità dell'accaduto. Inizia il processo a 5 carabinieri. Tre rispondono di omicidio preterintenzionale