Venerdì 03 Novembre 2017 - 11:30

Rozzano, bimba di 6 anni muore di meningite: panico a scuola

La piccola era in vacanza a Bergamo con i nonni per il ponte di Ognissanti. Scatta la profilassi nell'istituto elementare

Il Presidente Gentiloni visita le scuole Marco Polo e Gaetano Lodi di Crevalcore

Una bimba di sei anni è morta ieri sera di meningite a Bergamo e, nella scuola che frequentava a Rozzano, in provincia di Milano, appena è arrivata all'orecchio la notizia, diversi genitori sono arrivati in classe stamattina per portare a casa i figli. Altri hanno chiesto consigli al preside e alla sindaca Barbara Agogliati. Nel frattempo, è stata avviata la profilassi su 75 persone, tra compagni di classe, amichette del corso di ginnastica artistica che seguiva, familiari, oltre al personale dell'Areu e dell'ospedale dove era ricoverata.

La piccola è deceduta giovedì, alle 20.27, dopo essere arrivata alle intorno alle 19 al 'Papa Giovanni XXIII' di Bergamo, trasportata dall'elisoccorso Areu da Selvino (Bg). Era in vacanza in Valseriana dai nonni per il ponte di Ognissanti. Italiana e residente a Rozzano, la bimba è apparsa da subito in gravissime condizioni ed è poi stata colpita da un arresto cardiaco. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarla. Per la diagnosi sul tipo di meningite che ha ucciso la bambina bisognerà aspettare l'esame dei campioni prelevati nella mattinata di oggi, destinati al centro di riferimento regionale del Policlinico di Milano.

Intanto, diversi genitori dei compagni e degli altri bimbi sono arrivati in mattinata alla spicciolata nella scuola primaria di via Garofani, a Rozzano, per riportare a casa i figli. Altri papà e mamme hanno chiesto informazioni agli insegnanti e al preside, Danilo Guido, per capire come comportarsi. Nell'istituto è arrivata anche la sindaca Agogliati. "Cercheremo di dare più informazioni possibili alla cittadinanza. Comunque - ha detto in un video pubblicato su Facebook - la scuola rimane aperta. I protocolli sanitari sono stati attivati. È giusto avere l'attenzione in merito a questi casi che sono molto gravi, però non vogliamo creare allarmismo e vogliamo rassicurare le persone e soprattutto dare le informazioni su quello che è necessario fare". E ancora: "Voglio esprimere veramente solidarietà alla famiglia colpita da questo gravissimo lutto. È una bimba che frequenta la prima della scuola elementare Garofani. Abbiamo saputo questa mattina del tragico evento e ci siamo attivati tramite anche l'Ats per capire come attivare protocolli sanitari e dare le informazioni alle famiglie".

"Vicino ai familiari" anche l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera. "L'Ats di Bergamo - ha spiegato - ha sottoposto a profilassi 25 persone tra familiari della piccola (genitori, nonna e sorellina di 10 anni) e gli operatori, sanitari e non, che l'hanno soccorsa e assistita". "L'Ats di Milano - ha continuato - ha organizzato, questa mattina, un incontro con i genitori della scuola elementare, a cui è seguita la distribuzione della profilassi ai compagni di classe e alle maestre per un totale di circa 30 soggetti. Altri contatti all'interno della scuola sono in corso di valutazione".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, falso allarme bomba in tribunale

Milano, allarme bomba davanti tribunale ma è un macina erba

L'oggetto è stato posizionato a fianco di un'impalcatura

Cernusco sul Naviglio, il luogo del lancio del sasso sulla statale

Milano, violentò turista canadese fingendosi tassista: fermato 28enne

Il ragazzo salvadoregno, rintracciato martedì in provincia di Alessandria, abusò di un'altra donna nel 2010

Fabrizio Corona in aula per l'udienza del Processo a suo carico

Corona, pm Locri indaga per riciclaggio sull'acquisto della casa milanese

Indagati i due amici dell'ex re dei paparazzi, Delfino e Bonato

Sassi dai cavalcavia, nove morti da Lentate alla Cavallosa fino a Cernusco

Ogni anno decine di episodi fortunatamente senza vittime. Ma qualche volta, i folli lanciatori hanno colpito e ucciso. La tragica storia di Letizia Berdini e dei suoi killer