Martedì 04 Luglio 2017 - 19:30

Colpo di scena al Tour: Sagan fuori dopo contatto con Cavendish

Inizialmente il campione del mondo era stato declassato all'ultimo posto e penalizzato con 30"

Colpo di scena al Tour de France: Sagan escluso dopo il contatto con Cavendish

Peter Sagan fuori dal Tour de France. A deciderlo è stata la Giuria della corsa dopo il contatto con Mark Cavendish avvenuto nella volata della quarta tappa della Grande Boucle che ha causato la caduta del velocista britannico. Inizialmente il campione del mondo era stato declassato all'ultimo posto e penalizzato con 30".

"Non sapevo neanche che ci fosse Cavendish dietro di me, arrivava da destra, io volevo andare a ruota", ha raccontato Sagan. "Lui stava arrivando velocissimo, non ho avuto neanche il tempo di spostarmi sulla sinistra - ha aggiunto - Ci siamo toccati ed è caduto, mi dispiace".

La quarta tappa del Tour è stata vinta da Arnaud Demare. Per lo sprinter francese si tratta del primo trionfo nella Grande Boucle. Il velocista della FDJ ha preceduto proprio Sagan e il norvegese Alexander Kristoff. Geraint Thomas resta in maglia gialla.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Former USA Gymnastics' team physician Nassar, poses in this photo released November 10, 2017

Il medico delle ginnaste Usa ammette: "Le ho molestate, chiedo scusa"

Larry Nassar si è dichiarato colpevole di 13 casi di abusi sessuali. Rischia 25 anni di carcere. L'ultima accusa da Gabby Douglas

FILE PHOTO - Artistic Gymnastics - Women's Qualification - Subdivisions

Ginnastica Usa, Gabby Douglas rivela: "Anch'io molestata dal medico"

La campionessa olimpica racconta di essere stata una vittima di Larry Nassar, il sanitario già in galera per pedopornografia

Presentazione dei mondiali di scherma paralimpica Roma 2017

Mondiali scherma paralimpica: oro Italia nel fioretto donne e sciabola uomini

Il team femminile ha battuto in finale 45-23 la Russia mentre il quartetto degli uomini ha sconfitto 45-40 sempre i russi