Giovedì 24 Maggio 2018 - 14:00

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, Consultazioni

Pace fiscale e autonomia saranno le priorità del prossimo governo. Sul punto Matteo Salvini non ha dubbi. Un'autonomia, spiega il leghista in diretta Facebook, che potrà essere concessa a "tutte le Regioni che decideranno di gestire in maniera trasparente quello che lo Stato non riesce a gestire". Per quanto riguarda la giustizia "nessuno sconto di pena per i reati più gravi" e poi "penso a una norma finalmente chiara sulla legittima difesa". Sul capitolo infrastrutture, Salvini ritiene che ridiscuterle sia "da persone intelligenti" ma quello che nascerà "non può e non deve essere un governo dei blocchi, ma della crescita e del sorriso".

Il leader del Carroccio torna poi ad insistere su Paolo Savona al Mef. "Io sono e sarò orgoglioso di essere rappresentato, se lo sarò, da qualcuno che permetterà all'Italia di tornare al centro. Non ho dubbi". 

"Pare qualcuno non voglia Savona ministro dell'Economia. Una personalità specchiata, riconosciuta, apprezzata che ha già fatto il ministro dell'Industria in passato, ha lavorato con Confindustria, con Bankitalia, ha lavorato con le imprese e le banche. Qual è il difetto di questo professore dignitissimo e orgogliosissimo che vuole rimettersi in gioco? Pare in passato abbia avuto dei dubbi sull'utilità dell'euro e di questa struttura dell'Ue. Domando a me stesso come domando a voi qual è il problema, se i cittadini hanno votato, se qualcuno si mette a ridiscutere e a ricontrattare le regole".

"Non è un disvalore - prosegue - ma penso sia un motivo di vanto per un Paese, per un popolo avere qualcuno" che si sieda "ai tavoli europei non a sfasciare e a far casino ma a ricostruire e a mettere un motore altrimenti è fermo". "Savona è l'uomo giusto per contrattare da pari a pari con Germania e Francia, per sostenere il diritto dell'Italia a crescere".

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Firenze, primo ciak per il docufilm di Matteo Renzi

Pd, Renzi atteso il 6 settembre a festa Unità Ravenna

Ci sarà anche l'ex segretario all'appuntamento. Hanno detto sì anche Fico, Casellati, Gelmini e Giorgetti

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, Mit e Autostrade nel mirino. Pressing per dimissioni Ferrazza

Bufera sull'architetto alla guida della commissione d'inchiesta del ministero

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"