Giovedì 08 Febbraio 2018 - 21:00

Sanremo, Baglioni rocker. Gino Paoli commovente. Virginia Raffaele fa ridere tutti

In apertura un grande classico del cantante. Mudimbi apre la gara giovani. Memo Remigi si sente male in sala, ma è una gag

Festival di Sanremo 2018, terza serata

La terza puntata del festival di Sanremo fa ridere ed emoziona. Virginia Raffaele, che raccoglie il testimone lasciato da Fiorello due giorni fa: spunta a sorpresa nella platea e sale sul palco, sfrutta Baglioni come spalla, lo spettina, lo sfotte sull'età, prende in giro Michelle e pure Salvini che venerdì sarà all'Ariston: "Dopo tre anni in cui conduceva uno di colore finalmente è potuto venire", poi arriva il duetto su 'Canto anche se sono stonato' di Mina e sembra pronta ad entrare in gara.

Michelle stasera non convince con un paio di look Trussardi troppo austeri e pettinatura da signora, meglio il terzo, un lungo abito rosa. Inizia a cantare 'I maschi' di Gianna Nannini e dalla platea parte un gruppetto di finte contestatrici per un flashmob musicale che torna sul tema della violenza sulle donne. Favino poco presente stasera, imita Steve Jobs e presenta il robot 'Baglion-One'. Ma Baglioni alla terza serata finalmente si rilassa un po' e si prende in giro. Anche stavolta il cantautore è direttore-conduttore-protagonista, apre la scena in versione rocker con la sua 'Via', dopo canta 'Poster' in versione Negramaro con il gruppo pugliese che torna all'Ariston dopo 13 anni dall'eliminazione con quella 'Mentre tutto scorre' che li consacrò. Giuliano Sangiorgi la accenna, incassa il boato del pubblico, poi parte il nuovo singolo 'La prima volta'.

Più tardi Baglioni si risiede al piano e canta 'Passerotto non andare via' riproponendo con la giornalista del Tg1 Emma D'Aquino il dialogo-siparietto già visto con Leosini, e si balla sulle note di 'Gianna' di Rino Gaetano. Poi suona con Danilo Rea, e intona con Gino Paoli 'La canzone dell'amore di perduto' di De Andrè, 'II nostro concerto' di Bindi, e 'Una lunga storia d'amore' dello stesso Paoli, il pubblico si alza in piedi e rende omaggio all'artista genovese.

Dopo Sting, pure James Taylor tenta senza grandi risultati il canto in italiano: La donna è immobile parte voce e chitarra, la pronuncia anche stavolta rovina l'effetto. Molto meglio la sua 'Fire and rain', poi sul palco arriva Giorgia per cantare insieme una riuscitissima 'You've got a friend' che conquista l'Ariston. E' mezzanotte e mezza quando sul palco sale Nino Frassica in versione carabiniere che interroga i presenti sulla 'morte' di Memo Remigi, quasi l'una quando Claudio Santamaria e Claudia Pandolfi, protagonisti di 'E' arrivata la felicità 2' intonano 'Sarà per te' di Nuti.

Come mercoldì sera, i giovani inaugurano la gara e scorrono via veloci Mudimbi, primo ad esibirsi e primo stasera per la giuria demoscopica, Eva, Ultimo. Leonardo Monteiro. La gara dei big inizia con Giovanni Caccamo, molto elegante ma con un pezzo che al secondo ascolto si conferma noioso. Il ritmo si riprende immediatamente con l'attesissima performance de Lo Stato Sociale e della loro 'vecchia che balla': la voce lascia a desiderare, ma la musica trascina tutti. Luca Barbarossa invece sembra troppo ingessato nella sua romanesca 'Passame er sale'. Molto più forte l'interpretazione di Avitabile e Servillo nella loro 'Il coraggio di ogni giorno', poco sanremese ma dalle atmosfere mediterranee.

Tocca a Max Gazzè e 'La leggenda di Cristalda e Pizzomunno', suggestivo mito pugliese che il cantautore racconta con qualche sbavatura immersa in una atmosfera onirica. 'Il segreto del tempo' Facchinetti e Fogli pare non lo abbiano scoperto, perché la canzone si conferma troppo 'antica', e con troppe imperfezioni vocali. Arriva il momento di Ermal Meta e Fabrizio Moro e la loro 'Non mi avete fatto niente', usciti indenni o quasi dal #Metamorogate: erano dati per favoriti, vedremo se il giudizio delle giurie risentirà dell'accaduto.

Noemi scalda il pubblico con un vestito scollatissimo che rischia l'incidente diplomatico a ogni movimento: la canzone 'Non smettere mai di cercarmi', invece, sembra andarle stretta. I The Kolors con 'Frida (Mai, mai mai) si confermano tra i più radiofonici di questa edizione. 'Mario Biondi chiude la gara con la sua 'Rivederti', ma la sensazione è che in inglese sia sempre più convincente. Arriva la classifica della sala stampa: sul podio Gazzè, Lo Stato Sociale, Meta-Moro, nella classifica centrale Barbarossa, The Kolors, Avitabile-Servillo, in fondo Fogli-Facchinetti, Biondi, Caccamo, Noemi. Domani gli attesissimi duetti e la proclamazione del vincitore dei giovani.

 

Scritto da 
  • Dalle nostre inviate Antonella Scutiero e Chiara Troiano
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Photocall Lo Stato Sociale - Festival di Sanremo 2018

Esce 'Facile': il nuovo singolo de Lo Stato Sociale

Nel video ufficiale della canzone un mix tra un flashmob e un concerto mobile per le vie di Bologna

Street Clerks

Musica, Street Clerks: La nostra rivoluzione? 'E poi c'è Cattelan' e il nuovo album

La resident band si 'EPCC' racconta il suo lavoro 'Come è andata la rivoluzione?'

Artù fa rivivere Rino Gaetano: duetto immaginario su 'Ti voglio'

Molto di più di un semplice brano: "E' un sogno, che va oltre oltre la carriera"

Levante lancia 'Stay Open': collaborazione con Diplo e MØ

Una sfida ambiziosa per il progetto musicale internazionale Tuborg Open, che coinvolgerà anche Russia, Cina, Nepal, Bulgaria e Myanmar