Giovedì 08 Settembre 2016 - 09:15

Santoro presenta 'Robinù', il documentario sulle baby gang di Napoli

A Venezia il conduttore critica la Rai: "Sia più coraggiosa nel rappresentare la realtà"

Santoro presenta 'Robinù', il documentario sulle baby gang di Napoli

Pioggia di applausi per 'Robinù', il documentario di Michele Santoro, realizzato insieme alle sceneggiatrici Micaela Farrocco e Maddalena Oliva e presentato ieri al Festival di Venezia. 'Robinù' racconta le faide tra i baby boss di Napoli per il controllo dello spaccio di droga, ragazzini giovanissimi e agguerriti che vivono nel mito dei grandi boss, ricalcandone i comportamenti e la violenza.

GUARDA IL TRAILER IN HD

"La Rai non è presente con sufficiente forza per offrire alle realtà produttive una sponda editoriale importante", ha dichiarato Santoro alla conferenza stampa di presentazione. "C'è l'abitudine - ha aggiunto - a una logica della rappresentazione del reale ordinata, educativa, ispirata ai buoni sentimenti. Ritengo che se non si fa un atto coraggioso nella rappresentazione della realtà, difficilmente avremo il fiorire di nuove possibilità, che oggi vedono tanti giovani colleghi faticare in modo incredibile per trovare un dialogo con quello che istituzionalmente dovrebbe essere il loro punto di riferimento. Il servizio pubblico dovrebbe mettere al primo posto il genere del documentario".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima della Scala, Andrea Chénier di Umberto Giordano inaugura la stagione

La Prima della Scala di Milano, tra vip e proteste

Inaugura la stagione scaligera 2017/2018 con Andrea Chénier, l'opera di Umberto Giordano

Trasmissione "Che Tempo Che Fa"

Molestie, Fabio Volo: "Da giovane mi difesi da avance, ma per le donne non è semplice"

A Radio Rai 1 l'artista racconta uno spiacevole episodio che risale agli anni in cui era un giovane cantante

Il 'Salvator Mundi' di Leonardo all'asta per 450 milioni di dollari

Un record mondiale per il dipinto riscoperto di recente e considerato l'ultimo del genio italiano

Musei italiani sempre pieni nel 2017. Verso i 50 milioni di visitatori

Dal Colosseo agli Uffizi, da Pompei alla Reggia di Caserta, continua l'incremento di pubblico e di incassi