Martedì 07 Febbraio 2017 - 18:00

Sci, Mondiali: saltano la Vonn, i pronostici e i sogni azzurri

Sofia Goggia, sulla quale erano state riposte le speranze azzurre, non è andata oltre il decimo posto

Sci, Mondiali: saltano la Vonn, i pronostici e i sogni azzurri

Tanto per scompaginare subito i pronostici, la prima gara dei mondiali di St. Moritz, il SuperG femminile, non è andata come tutti avevano immaginato. Perché non ha vinto Lindsey Vonn, che è uscita a metà gara; perché ha sostanzialmente deluso Lara Gut, medaglia di bronzo, reginetta di casa e grande favorita; perché non ha tagliato il traguardo la detentrice, Anna Fenninger, sposata Veith; perché Tina Weirather si è fatta battere e beffare dall'austriaca Nicole Schmidhofer, la sorpresona della giornata, medaglia d'oro, miracolata dalla finestra di bel tempo che ha reso la pista - tecnica e insidiosa - per qualche minuto 'visibile'. E poi perché Sofia Goggia, sulla quale erano state riposte le speranze azzurre, tenuto conto di cosa aveva fatto fino adesso, non è andata oltre il decimo posto, "condizionata dalla pressione e dall'emozione", come ha candidamente ammesso. Meglio di lei si è comportata Elena Curtoni, quinta, che se non avesse sbagliato nell'ultima curva probabilmente sarebbe salita sul podio, e Federica Brignone, giunta ottava. Polvere di stelle.

RISCATTO. Se Weirather è parzialmente giustificata dalla frattura alla mano rimediata a Plan de Corones, che sicuramente non l'ha agevolata nella discesa, Gut e Vonn non hanno alibi. "Di testa ci sono, con le gambe non ancora", ha ammesso la statunitense, quasi rassegnata a un ruolo di secondo piano. Ma le fuoriclasse si vedono nei momenti difficili e presto per la bella Lindsey ci sarà la possibilità di rimediare. Come anche per la Goggia urge un immediato riscatto: "Mi sono creata da sola un condizionamento psicologico. E' la prima volta che succede: nonostante sia un fallimento, devo imparare a gestire meglio certe situazioni", l'analisi logica di una discesa illogica, brutto esordio svizzero. Il rilancio è legato al Gigante, la sedimentazione della delusione servirà per ricaricare le batterie e voltare subito pagina. "Pensavo di poter fare bene ma la medaglia d'oro no, onestamente non l'avevo considerata", il graffite dell'austriaca Schmidhofer, che non ha mai vinto in Coppa del Mondo e che al massimo aveva messo insieme due podi a Cortina, nel 2013 e 2014. Cose che capitano, sì: una volta nella vita...
 

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lindsey Vonn in gara con gli uomini? Qualche speranza c'è

Lindsey Vonn in gara con gli uomini? Qualche speranza c'è

La richiesta della sciatrice di poter sfidare i colleghi ha fatto passi avanti: adesso c'è una proposta formale