Giovedì 06 Luglio 2017 - 14:15

Sciopero, Roma nel caos: traffico in tilt e taxi introvabili

Chiuse le tre linee della metro e la ferrovia Roma-Lido

Sciopero, Roma nel caos: traffico in tilt e taxi introvabili

Roma sta vivendo un'altra giornata di sciopero dei mezzi pubblici di trasporto e di forte disagio per i cittadini. Dalle 8,30 di questa mattina sono infatti chiuse le linee della metropolitana e a conti fatti il servizio sarà garantito nella sola fascia di garanzia tra le 17 e le 20. Dal punto di vista orario la protesta più ampia è quella indetta dal sindacato Sul, 24 ore, con le consuete fasce di garanzia. All'interno di questa agitazione si aggiungeranno quelle, entrambe di 4 ore, di Faisa Confail, dalle 8,30 alle 12,30, e Usb, dalle 11 alle 15.

Sui bus regionali della Cotral, sempre sommando le proteste di Sul, Usb e Faisa Confail, il servizio giovedì sarà assicurato solo dalle 5,30 alle 8,30 e poi dalle 17 alle 20.

Sono diverse le zone della città segnalate sul sito di Luceverde con code e rallentamenti. Si va dalla Tangenziale Est all'Ostiense, dalla Flaminia a diversi tratti del Lungotevere, da via Marconi a via Gregorio VII, fino alla Cristoforo Colombo completamente paralizzata (anche a causa dei lavori) con ripercussioni sulla Pontina fino a Tor de Cenci. Al momento sono chiuse le tre linee della metropolitana e la ferrovia Roma-Lido. Forti rallentamenti per la ferrovie Roma-Viterbo, nel tratto urbano, e Termini-Centocelle. Pochi i bus in circolazione, a Termini lunghe file per i taxi.

La protesta nazionale è legata alla tutela del diritto allo sciopero e al cosiddetto emendamento 'Covello' approvato dalla commissione Bilancio della Camera il 27 maggio scorso e parte integrante della manovra correttiva che, di fatto, cancella il Regio Decreto 148 del 1931 che regola i rapporti collettivi di lavoro e il trattamento economico di autisti di bus e tram. Secondo i sindacati, con l'abolizione del regio decreto vengono meno alcuni vincoli che ostacolavano i processi di liberalizzazione e privatizzazione del settore e ponevano un argine al progetto di precarizzazione del rapporto di lavoro. Senza il 148 le aziende, anche partecipate, che non raggiungono determinati parametri in termini di fatturato e bilanci potranno essere oggetto di fusioni, chiusure e liquidazioni, mentre ai dipendenti potrà essere applicato il Jobs-Act.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, aggressione al dirigente di Forza Nuova: due fermi, quattro denunciati

Blitz dei militanti negli studi di La7: "Dietro ai balordi che hanno pestato Massimo c'è la banda Floris-Gnocchi"

Porta a Porta. Ospiti i genitori di Pamela Mastropietro

Omicidio Pamela, c'è un quarto uomo. Clamorosa scoperta di 'Giallo'

Il settimanale di Cairo Editore documenta l'esistenza di un ghanese di nome Hassan che avrebbe avuto parte nell'omicidio e che sarebbe fuggito

Corona scarcerato, andrà in comunità: "Troppi 16 mesi per fare giustizia"

L'ex fotografo dei vip dormirà in casa sua e potrà uscire soltanto per raggiungere la struttura