Martedì 04 Luglio 2017 - 14:00

Scuola, la promessa di Fedeli: Entro 14 agosto 52mila assunzioni

La ministra convoca un tavolo sulla 104: "Combatteremo ogni abuso"

Scuola, la promessa di Fedeli: Entro 14 agosto 52mila assunzioni

Entro metà agosto saranno assunti 52mila nuovi insegnanti. Ad annunciarlo è stata la ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, in conferenza stampa al Miur. "Grazie all'intesa del 9 maggio con il Mef - ha spiegato - per l'attuazione della legge di bilancio, entro il 14 agosto assumeremo 52mila nuovi insegnanti".

Nei 52mila nuovi posti, sono inclusi 15.100 posti di organico di fatto, trasformati in organico di diritto,  16mila posti vacanti e circa 21mila posti derivati dal turn over. Prima della Buona scuola le assunzioni erano in media 24mila l'anno.

TAVOLO SULLA 104. "Garantiremo rigorosamente i diritti degli insegnanti" che richiedono l'applicazione della legge 104, "ma combatteremo strenuamente ogni abuso: chi abusa di un diritto nega il diritto a chi ha diritto. Daremo corso con una lettera formale a un tavolo con il ministero della Salute, l'Inps, la conferenza Stato-Regioni, perché insieme combatteremo ogni abuso. La legge non può essere usata a maglie larghe. Ci sono cose che non possono essere tollerate", ha precisato Fedeli, parlando delle assegnazioni provvisorie degli insegnanti. La lettera sarà inviata nel pomeriggio.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PD, parte il tour di Renzi in treno

Bankitalia, Renzi "Riconferma Visco non è sconfitta". Prodi: "Mozione improvvida"

Il segretario Pd insiste: "Il governo era d'accordo". Gentiloni: "Tutelerò autonomia"

Regione Lombardia, magazzino per i tablet e i materiali per il referendum

Referendum, come e quando si vota in Veneto: previsto il quorum

Domenica 22 ottobre seggi aperti dalle 7 alle 23

Camera - Presentazione programma banche del Movimento 5 Stelle

Bankitalia, Sibilia: Casini come generale che informa truppe nemiche

Il capogruppo del M5S nella commissione straordinaria sulle banche accusa il presidente della commissione di non aver avvisato l'ufficio di presidenza del vis à vis con il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco