Venerdì 12 Maggio 2017 - 11:15

Seveso esonda a Milano nella notte: fiume ora rientrato in alveo

Disagi alla circolazione, alcuni sottopassi bloccati

Milano, esondato il fiume Seveso a seguito delle forti piogge

Il fiume Seveso, è esondato a Milano nella notte  causando disagi alla circolazione delle auto, bloccate nei sottopassi, in particolare  nelle zone di Niguarda, Affori e Comasina. La situazione del Seveso è rientrata, ma restano zone ancora allagate. Interventi della polizia municipale soprattutto in zone come Affori e Comasina, mobilitate anche le idrovere, nella notte intorno alle 23 per evitare la circolazione di veicoli o liberare quelli intrappolati nelle aree allagate dei sottopassi tra cui quello in via Sant'Elia e le zone di via Chiasserini. In azione 20 pattuglie della polizia municipale, oltre agli operatori dell'Amsa.

Al momento sono interdetti alla circolazione  i sottopassi di via Sant'Elia, Stephenson, Villapizzone, Chiasserini, mentre altre aree come via Cogne sono state riaperte al traffico. Sono spenti, invece, i semafori in zona Lorenteggio verso Vigevanese e della zona della Bovisasca verso Litta Modigliani. La situazione sta tornando progressivamente alla normalità.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, la prima prova dell'esame di maturità al Liceo Manzoni

Maturità, quasi 510mila studenti tornano sui banchi: via al toto tracce

Pirandello, Costituzione, Aldo Moro e immigrazione le possibili tracce della prima prova

Rom, Dijana Pavlovic: "Censimento illegale, l'odio di Salvini degenererà"

Intervista all'attrice, attivista per i diritti umani e già candidata alle ultime Europee di origine rom

Ambulanze a Milano

Milano, bimba di 7 mesi muore dopo aver ingerito un tappo, aperta indagine

Da accertare eventuali negligenze da parte dei genitori, che erano a casa con la piccola quando si è sentita male

Caserta, spari contro due migranti al grido "Salvini, Salvini!"

La denuncia del centro sociale Ex Canapificio, che gestisce il progetto Sprar della città insieme alla Comunità Rut delle Suore Orsoline e alla Caritas