Venerdì 14 Aprile 2017 - 09:45

Sextape a Valbuena: Cissè indagato per tentato ricatto

Nella stessa vicenda è coinvolto anche il centravanti del Real Benzema

Sextape a Valbuena: Cissè indagato per tentato ricatto

L'ex attaccante francese Djibril Cissè è sotto inchiesta formale per il tentativo di ricatto con un sextape nei confronti del centrocampista del Lione Mathieu Valbuena. A riferirlo il quotidiano transalpino 'Le Parisien'. Il 35enne, nel 2011-12 meteora nella Lazio, è indagato da un tribunale di Versailles per concorso in tentato ricatto, che secondo i pm avrebbe avuto luogo nel 2015.

"Il signor Cissè prende atto dell'inchiesta e potrà ora dimostrare che non è in alcun modo coinvolto", ha detto l'avvocato Arnaud Pericard, citato dallo stesso Parisien. Nella medesima vicenda è coinvolto anche il centravanti del Real Karim Benzema, a lungo escluso per questo motivo dalla Nazionale francese. La punta ex Lione, che ha sempre negato ogni accusa, è stata reintegrata da Didier Deschamps nel settembre scorso.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Euro Under 21, Pellegrini ci crede e sprona l'Italia: Destino è nelle nostre mani

Under 21, Pellegrini ci crede e sprona l'Italia: Destino è nostro

Dopo la pesante sconfitta con la Repubblica Ceca, la squadra volta pagina e si prepara alla sfida con la Germania

Berlusconi: Donnarumma? Farei di tutto per non lasciarlo partire

Berlusconi: Donnarumma? Farei di tutto per non lasciarlo partire

"Ma bisogna anche capire un ragazzo che ha la possibilità di guadagnare 100 milioni... Chi di noi non si comporterebbe come lui?"

Euro U21, Rep. Ceca piega Italia 3-1: semifinale lontana

EuroU21, Repubblica Ceca piega Italia 3-1: semifinale lontana

Dopo la vittoria dell'esordio contro la Danimarca doccia fredda per gli azzurrini di Gigi Di Biagio

Milan, Mihajlovic 'consiglia' Donnarumma: Gigio? Rimanga dove lo amano

Milan, Mihajlovic 'consiglia' Donnarumma: Rimanga dove lo amano

"Per me deve restare con i rossoneri, per riconoscenza e perché gli hanno offerto un buon contratto"