Martedì 05 Dicembre 2017 - 16:30

Siena, la sua casa all'asta: donna disabile si taglia le vene in tribunale

La 56enne, vittima di un incidente sul lavoro, si trova in ospedale

Quando in tribunale è arrivata un'offerta per l'acquisto della sua casa finita all'asta giudiziaria, ha tentato il suicidio tagliandosi le vene. E' accaduto questa mattina al tribunale civile di Siena. Protagonista del tentato suicidio è una donna disabile dal 2010, quando fu vittima di un incidente sul lavoro. Proprio la disabilità sopravvenuta avrebbe compromesso alla donna le possibilità di pagare un mutuo da 500mila euro contratto con una banca per la sua attività lavorativa. La donna è stata immediatamente soccorsa e portata in ospedale. Da quanto si apprende, la donna non sarebbe in pericolo di vita.

La donna è un'ex imprenditrice senese di 56 anni che dal 2010 è ridotta su una sedia a rotelle. Da anni combatte anche in tribunale anche a Grosseto per cercare di vedersi riconosciuti quelli che ritiene essere i suoi diritti nei confronti di assicurazioni e banche.

Gli avvocati della donna Valter Biscotti e Valeria Passeri hanno fatto sapere che presenteranno "una denuncia in Procura per accertare se ci siano state anomalie nella concessione del mutuo alla nostra assistita".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Meningite: l'ospedale Meyer di Firenze

Firenze, muore di meningite un neonato di due mesi

Un caso raro ma possibile: lo streptococco gli è stato passato dalla madre al momento della nascita

"Negro di m...": spari contro migrante in una parrocchia a Pistoia

La denuncia di don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro

Firenze, prete arrestato per violenza su una una bambina di 10 anni. "Pensavo fosse più grande"

Don Glaentzer, sorpreso in auto con la bimba, ha ammesso di aver avuto altri incontri sostenendo che sarebbe stata sempre la minorenne "a prendere l'iniziativa"

The Disgruntled Childhood Report

Firenze, arresti e denunce per pedofilia su Fb, coinvolto aspirante diacono

Pensionati, disoccupati e uno studente nella rete. Perquisizioni in diverse regioni