Mercoledì 19 Aprile 2017 - 18:30

Sindaca di Lampedusa Nicolini vince Premio per la pace Unesco

Conferito lo stesso riconoscimento anche all'organizzazione non governativa francese SOS Méditerranée

Sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini vince Premio per la pace Unesco

 Un riconoscimento all'Italia che accoglie di fronte all'emergenza delle morti in mare. La giuria del Premio dell'Unesco per la pace Félix Houphouët-Boigny ha deciso di conferire il prestigioso riconoscimento internazionale alla sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini e all'organizzazione non governativa francese SOS Méditerranée "per il loro lavoro per salvare la vita dei rifugiati e dei migranti e per accoglierli con dignità". "Da quando è diventata sindaca nel 2012 - si legge nelle motivazioni -, Giuseppina Nicolini si è distinta per la sua umanità senza limiti e per l'impegno costante nella gestione della crisi e nell'integrazione dei rifugiati, in risposta all'arrivo di migliaia di migranti sulle spiagge di Lampedusa e altrove in Italia".

Il Premio Félix Houphouët-Boigny è stato istituito nel 1989 come riconoscimento per le personalità, gli enti e le istituzioni che hanno contribuito significativamente alla promozione della pace ed è stato attribuito in passato a Nelson Mandela e Frederik W. De Klerk; Yitzhak Rabin, Shimon Peres e Yasser Arafat; Re Juan Carlos e Jimmy Carter. Quest'anno la giuria ha voluto puntare i riflettori in particolare sul Mediterraneo, dove quasi 13.000 uomini, donne e bambini dal 2013 sono morti a causa di naufragi, lanciando un appello alla comunità internazionale perchè sia un luogo di "solidarietà e dialogo interculturale" e smetta di essere "una tomba d'acqua".

Insieme a Giusi Nicolini è stata premiata l'organizzazione non governativa francese SOS Méditerranée, che dal lancio della sua operazione di soccorso nel 2006 ha salvato 11mila vite. "Una cosa così grande non me l'aspettavo. E' un orgoglio immenso", il commento di Giusi Nicolini, che dedica il riconoscimento "a tutti coloro che il mare non sono riusciti ad attraversarlo perché ci sono rimasti dentro e a Gabriele del Grande", il giornalista, blogger e documentarista di 'Io sto con la sposa' fermato in Turchia, "lui è stato il primo attraverso un sito a contare i morti in mare quando ancora nessuno sapeva che si moriva nel Mediterraneo. Ora è prigioniero in Turchia, e pretendo che il governo di questo Paese possa riportare a casa presto Gabriele".
 

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bologna, prete choc su Facebook: "Ha ucciso più Riina o Emma Bonino?"

Don Pieri si scaglia contro l'esponente Radicale per il suo impegno politico e civile per la legge sull'aborto: "Moralmente non c'è differenza"

Terremoto Norcia, l'appello del piccolo Marco: salvate il mio pianoforte

Terremoto, scossa di 4.4 magnitudo in provincia di Parma. Paura ma nessun danno

La terra ha tremato alle 13.37, come fa sapere l'Ingv

Roma, ritrovamento di un cadavere in un sottopasso del Muro Torto

Napoli, sparatoria nel cuore della movida: rissa e colpi in strada, feriti 4 minorenni

In via Carlo Poerio, prima la rissa tra due comitive poi i proiettili che hanno raggiunto i giovanissimi

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "L'indifferenza verso i poveri è un grande peccato. Dio non è controllore di biglietti non timbrati"

Il pontefice in occasione della prima giornata mondiale dei poveri: "Prendersi cura di loro è un dovere evangelico e l'indifferenza è un grande peccato"