Giovedì 20 Aprile 2017 - 20:15

Siria, Assad chiede all'Onu l'invio di esperti per l'attacco chimico

"Finora non abbiamo ricevuto nessuna risposta", spiega il presidente

Siria, Assad chiede all'Onu l'invio di esperti per attacco chimico

Il presidente siriano, Bashar Assad, ha annunciato di avere chiesto alle Nazioni unite di inviare esperti per indagare sul sospetto attacco chimico del 4 aprile nella provincia siriana di Idlib. "Formalmente abbiamo inviato una lettera all'Onu chiedendo l'invio di una commissione per indagare quanto successo a Khan Sheikhun. Ma finora non abbiamo ricevuto nessuna risposta. Non hanno inviato nessuno, perché gli Usa e i Paesi occidentali ostacolano l'invio di una qualunque delegazione", ha detto Assad in un'intervista a Sputnik, ribadendo la sua versione secondo cui non c'è stato nessun attacco nella provincia di Idlib, ma si tratta invece di una provocazione voluta e cercata per giustificare il bombardamento della base siriana di Shayrat, nella zona di Homs, da parte degli Stati Uniti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Londra, incendio alla Grenfell Tower: verso omicidio colposo

Nel rogo morirono 80 persone, tra cui gli italiani Gloria Trevisan e Marco Gottardi

Operazione di salvataggio di 433 migranti al largo della costa libica

Migranti, Macron: Hotspot in Libia. Tensione Italia-Francia

Il presidente francese annuncia l'intenzione di esaminare le candidature dei richiedenti asilo direttamente in Libia, scatenando le ire italiane

Usa, Trump dice no ai trans nelle forze armate: proteste a Times Square

Trans nell'esercito americano: Pentagono non applicherà stop fino a nuovo ordine

Non basta il tweet di Trump per fermare l'apertura voluta da Obama nel 2016. Contro il presidente anche Chelsea Manning

Charlie Gard's parents Connie Yates and Chris Gard read a statement at the High Court after a hearing on their baby's future, in London

Charlie, ordinato trasferimento in hospice per staccare macchine

Un giudice britannico ha disposto il trasferimento del piccolo, affetto da depressione del Dna mitocondriale