Lunedì 15 Maggio 2017 - 18:15

Siria, Usa accusano Assad: Ha costruito un forno crematorio

"Il regime è responsabile di atrocità e ha raggiunto un nuovo livello di depravazione", sottolinea la Casa Bianca

Siria, Usa accusano: Assad ha costruito forno crematorio per cancellare prove di massacri

Gli Stati Uniti hanno accusato il regime di Bashar al-Assad di aver costruito un forno crematorio nei pressi di una prigione. Secondo il Dipartimento di Stato il forno sarebbe stato utilizzato per sbarazzarsi dei corpi dei prigionieri morti. Secondo l'intelligence Usa nel complesso di Sednaya sono state detenute migliaia di persone durante i 6 anni della guerra.

Il regime siriano è "responsabile di atrocità" e ha raggiunto "un nuovo livello di depravazione". Lo ha detto l'inviato del Dipartimento di Stato Usa in Medio Oriente, Stuart Jones, presentando le prove fotografiche del forno crematorio costruito vicino a una prigione alla periferia di Damasco, in cui secondo le informazioni dell'intelligence Usa verrebbero bruciati corpi per nascondere esecuzioni di massa.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Pentagono ammette l'esistenza di un programma per cercare gli Ufo

Da anni il programma 'segreto' indaga sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, l'Onu lavora a bozza di risoluzione contro la mossa di Trump

Nel testo si evidenzia che qualsiasi decisione sullo status della città non ha alcun effetto legale

Sanità, Trump vieta la parole "transgender", "feto", "diritti" e "basato sulla scienza"

L'ordine riguarda i documenti ufficiali di bilancio del Center of Disease Control. Sette i termini cancellati. Imbarazzo e perplessità

AUT, 24. OSZE Ministerrat

Austria, Strache al governo con Kurz. Ministeri chiave a estrema destra

Il presidente austriaco ha dato luce verde alla formazione del nuovo esecutivo con la coalizione tra il Partito popolare (Övp) e gli ultranazionalisti del Partito liberale (FpÖ)