Lunedì 15 Maggio 2017 - 18:15

Siria, Usa accusano Assad: Ha costruito un forno crematorio

"Il regime è responsabile di atrocità e ha raggiunto un nuovo livello di depravazione", sottolinea la Casa Bianca

Siria, Usa accusano: Assad ha costruito forno crematorio per cancellare prove di massacri

Gli Stati Uniti hanno accusato il regime di Bashar al-Assad di aver costruito un forno crematorio nei pressi di una prigione. Secondo il Dipartimento di Stato il forno sarebbe stato utilizzato per sbarazzarsi dei corpi dei prigionieri morti. Secondo l'intelligence Usa nel complesso di Sednaya sono state detenute migliaia di persone durante i 6 anni della guerra.

Il regime siriano è "responsabile di atrocità" e ha raggiunto "un nuovo livello di depravazione". Lo ha detto l'inviato del Dipartimento di Stato Usa in Medio Oriente, Stuart Jones, presentando le prove fotografiche del forno crematorio costruito vicino a una prigione alla periferia di Damasco, in cui secondo le informazioni dell'intelligence Usa verrebbero bruciati corpi per nascondere esecuzioni di massa.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Segretario della Lega Nord Matteo Salvini partecipa al presidio per la chiusura della moschea di via Cavalcanti

Attentato a Barcellona, le reazioni della politica italiana. Salvini: "Niente pietà per questi vermi"

Il pensiero dei politici italiani a Barcellona, dopo l'attentato sulle Ramblas

Barcellona, auto sulla folla sulla Rambla

Attentato a Barcellona, van contro folla sulle Ramblas. Almeno tre morti e 32 feriti

La polizia starebbe tentando un negoziato con gli assalitori che sarebbero chiusi in un ristorante con degli ostaggi

Grecia, muore italiano a Zante: rientro salma nel pomeriggio

Grecia, muore italiano a Zante: rientro salma nel pomeriggio

L'ambasciata di Atene è in contatto con la famiglia per prestare la massima assistenza

Brexit, governo May: "Niente visti per viaggiatori Ue in Gb. Ma permessi per lavorare"

Brexit, governo May: "Niente visti per viaggiatori Ue"

La libera circolazione rimarrà anche dopo il divorzio, le imprese dovranno chiedere autorizzazioni