Venerdì 03 Agosto 2018 - 08:00

Napoli, spari contro venditore ambulante. Comunità senegalese in rivolta: "Atto di razzismo"

Il 22enne preso di mira da due persone a bordo di un motorino. Manifestazione in Piazza Garibaldi

Cissé Elhadji Diebel, senegalese di 22 anni, è stato ferito da colpi di pistola alle gambe giovedì sera a Napoli, nel quartiere Vasto, vicino alla Stazione centrale. Lo riporta Napoli Today spiegando che il giovane si trovava per strada con due amici quando due persone a bordo di un motorino gli hanno sparato contro diversi colpi di pistola. Il giovane, un venditore ambulante con il permesso di soggiorno, è stato portato in ospedale per essere sottoposto a un intervento chirurgico.

"Penso sia razzismo, io non ho mai litigato con nessuno in Italia", ha raccontatao il giovane dall'ospedale dove è ricoverato. Gli aggressori "senza dire niente mi hanno sparato", spiega, "hanno sparato tre colpi, uno è andato a vuoto", uno lo ha raggiunto alla gamba destra e uno ha colpito il cellulare. "Il telefono mi ha salvato", ha rimarcato il giovane, che fa l'ambulante in via Bologna ed in Italia da 7 anni. "Gli aggressori avevano sui 20 anni e portavano il casco", racconta. E aggiunge: "Non so se voglio restare a Napoli". 

Loading the player...

Per protestare contro l'accaduto Napoli Senza Confini e AssociazioneSenegalesi Napoli hanno organizzato una manifestazione dal titolo 'Sparatoria razzista, ferito un giovane senegalese: fermiamoli!', partita alle 17 in Piazza Garibaldi.

"Intorno alle dieci di sera di questo giovedi 2 agosto un nuovo grave attentato razzista è stato commesso, questa volta proprio a Napoli. Da un motorino in corsa due individui di pelle bianca hanno sparato contro un gruppo di persone immigrate in via Milano, in zona Ferrovia. Almeno tre i colpi di pistola esplosi. A restare colpito un giovane concittadino senegalese, Cissé Elhadji Diebel, lavoratore ambulante da alcuni anni in Italia. Uno dei colpi lo ha ferito gravemente alla gamba!", scrivono gli organizzatori nel lancio dell'evento su Facebook.

"Nel momento in cui scriviamo sono ancora in corso accertamenti all'ospedale Loreto Mare e non abbiamo una diagnosi definitiva. Sappiamo però che questo gravissimo episodio è l'ennesimo di una lunga sequenza di aggressioni e violenze contro i migranti, e in particolare gli uomini e le donne nere, che si sono moltiplicate in questi mesi, in questi giorni purtroppo anche in Campania dove contiamo almeno sei aggressioni in quattro giorni. E' il momento i scendere in piazza, è il momento di dire basta e dobbiamo farlo adesso! Perciò chiediamo a tutte e tutti, italiani e immigrati, antirazzisti e antirazziste di scendere in piazza domani con concentramento in piazza Garibaldi alle ore 17.00. Bisogna far sentire forte la propria voce e non piegarsi a chi usando metodi e linguaggi fascisti sta sdoganando violenze gratuite e continuate ai danni degli stranieri. Nessuno è straniero, urliamolo insieme!", concludono.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Caserta, migrante ferito da piombino a San Cipriano d'Aversa

Ai militari ha raccontato che, nella serata di giovedì, stava rientrando al centro di accoglienza quando è stato colpito al volto

Napoli, spari in piazza durante comizio elettorale: paura tra la folla

E' successo a Qualiano. Si ipotizza un'intimidazione rivolta ai commercianti della cittadina per pagare la rata estiva del pizzo

Napoli, incidente a bordo di un traghetto: un morto e un ferito

Napoli, incidente a bordo di un traghetto: un morto e un ferito

Una delle automobili caricate a bordo ha schiacciato due persone

Lotto, si gioca la data di nascita di Pino Daniele e vince 125mila euro

Il fortunato ha centrato cinque ambi da 25mila euro sulla ruota di Napoli