Erdogan

Pagina 1 di 30
Domenica, Giugno 24, 2018 - 18:00

Turchia, Erdogan alla prova del voto

Chiuse le urne in Turchia per le elezioni presidenziali e parlamentarie anticipate, convocate dal capo dello Stato uscente Racep Tayyp Erdogan lo scorso aprile. Chiamati al voto 56 milioni di cittadini. Meno scontata rispetto al passato la vittoria per il sultano Erdogan. Per la prima volta si elegge un capo dello Stato cui saranno attribuiti nuovi poteri esecutivi, secondo quanto emerso dal referendum sul presidenzialismo votato lo scorso anno. Quanto alle parlamentari, dopo la riforma del 2017 i deputati passano da 550 a 600, eletti a turno unico con un sistema proporzionale. Popo prima della chiusura dei seggi le autorità turche avevano fermato 10 cittadini stranieri, tra cui 4 italiani, che stavano svolgendo attività di osservazione elettorale indipendente nel sud-est del Paese. Coinvolti anche 3 francesi e 3 tedeschi.

Domenica, Giugno 24, 2018 - 13:45

Turchia, Erdogan al voto: "Queste elezioni sono rivoluzione democratica"

A Istanbul si è recato al voto anche il presidente Recep Tayyip Erdogan, accompagnato dalla moglie Emine. "Con queste elezioni, la Turchia sta realizzando una rivoluzione democratica", ha detto alla stampa che l'attende al seggio, in una scuola del distretto di Uskudar. Sono 56 milioni gli elettori turchi chiamati alle urne per le elezioni presidenziali e legislative.

Mercoledì, Aprile 4, 2018 - 14:15

Ankara, trilaterale Iran-Russia-Turchia sul conflitto siriano

È iniziato ad Ankara il trilaterale tra Iran, Russia e Turchia. Al centro del vertice la situazione in Siria, ormai al settimo anno di conflitto. I leader - Erdogan, Putin e Rohani - dopo il summit a Sochi dello scorso novembre riprendono i negoziati per la pace in Siria. In particolare discuteranno dell’enclave ribelle del Ghouta e del termine dell'offensiva turca sulla città curda di Afrin, prevista per la fine di maggio. Nella giornata di martedì, Putin aveva incontrato Erdogan in privato per discutere anche della fondazione di una nuova centrale nucleare. Mercoledì mattina, bilaterale a porte chiuse tra il presidente turco e l'omologo iraniano Rohani. Previsto, poi, per il 14 e 15 maggio prossimi il nono round di colloqui ad Astana tra i tre Paesi impegnati sul territorio siriano

Martedì, Aprile 3, 2018 - 17:30

Putin ad Ankara: sul tavolo del dibattito Siria e nucleare

E' arrivato ad Ankara il Presidente russo Vladimir Putin. Ad accoglierlo il suo omologo turco Erdogan. La visita ufficiale di Putin in Turchia ha come obiettivo le trattative per la costruzione di una centrale nucleare, un progetto da 20 miliardi di dollari finanziato da Mosca. Al centro degli incontri anche il coordinamento delle operazioni in Siria e l'implementazione delle zone di "de-escalation". L'incontro arriva alla vigilia del trilaterale tra i leader di Astana - il russo, il turco più l'iraniano Rohani - previsto ad Ankara per mercoledì 4 aprile. Almeno 4mila gli uomini schierati nella capitale turca per proteggere i 3 capi di Stato

Lunedì, Aprile 2, 2018 - 10:15

Gaza, Erdogan contro Netanyahu

Il presidente turco Erdogan attacca il primo ministro israeliano Netanyahu dopo il massacro di venerdì durante la "Marcia del ritorno" organizzata dai palestinesi al confine di Gaza. "Sei un terrorista. Quei territori non ti appartengono" ha tuonato il leader di Ankara. "Non ho bisogno di lezioni di morale da uno che ha bombardato i civili per anni" ha replicato il premier israeliano. Intanto, ieri ennesima è stata l'ennesima giornata di scontri a Gaza tra esercito e manifestanti nell'ambito della mobilitazione che durerà 6 settimane.

Domenica, Aprile 1, 2018 - 20:15

Erdogan contro Netanyahu: "Sei un terrorista"

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha accusato Benjamin Netanyahu di essere "un terrorista" dopo il massacro di venerdì nella Striscia di Gaza. "Sei un occupante in quelle terre - ha detto Erdogan - ciò che stai facendo ai palestinesi rimarrà nella loro storia" ha concluso. Non si è fatta attendere la risposta di Netanyahu che ha replicato dal suo account Twitter: "L'esercito più etico al mondo non ha bisogno di ricevere lezioni di morale da chi ha bombardato indiscriminatamente i civili per anni". Durante il primo giorno di "marcia del ritorno" - organizzata dai Palestinesi per commemorare l'espropriazione dei loro territori per mano israeliana - 16 sono state le vittime e circa 1400 i feriti.

Domenica, Marzo 18, 2018 - 12:45

Erdogan: "Abbiamo preso il controllo di Afrin"

Il presidente turco Erdogan annuncia la presa di Afrin, enclave curda in Siria. "Le forze siriane alleate della Turchia hanno preso il controllo del centro di Afrin questa mattina alle 8.30". Ma un alto funzionario curdo smentisce la notizia sostenendo che i combattimenti sono ancora in corso. L'offensiva turca contro la città dura da mesi: 150 mila i civili costretti alla fuga

Martedì, Febbraio 13, 2018 - 20:00

Nave dell'Eni ancora bloccata a Cipro

Ancora bloccato il mezzo navale Saipem 12000, di proprietà di Eni, che ha dovuto interrompere venerdì pomeriggio il viaggio di trasferimento verso una nuova location da perforare perché fermato da alcune navi militari turche con l'intimazione a non proseguire perché sarebbero in corso attività militari nell'area di destinazione. Oggi è arrivato l'affondo del premier turco Erdogan: "Non bisogna pensare che le ricerche di gas al largo di Cipro e le iniziative opportunistiche sulle rocce nel Mar Egeo sfuggano alla nostra attenzione. avvertiamo quelli che hanno superato i limiti di non fare calcoli sbagliati"

Lunedì, Febbraio 12, 2018 - 12:00

Nave Eni bloccata in Turchia, si muove la Farnesina

Una nave italiana che trasportava una piattaforma di trivellazione dell'Eni è stata bloccata dalla Marina militare turca. L’imbarcazione, Saipem 12000, era diretta verso Cipro per iniziare operazioni di estrazione su licenza del governo di Nicosia. La tensione diplomatica resta molto alta con il presidente turco Erdogan che non vuole stranieri in quella zona del Mediterraneo orientale perché le perforazioni del gas naturale “rappresentano una minaccia”. Nel frattempo la Farnesina ha fatto sapere di aver avviato una trattativa per via diplomatica “al più alto livello”

Lunedì, Febbraio 5, 2018 - 15:45

Erdogan incontra il Papa mentre Roma vieta le proteste

È stato un colloquio a porte chiuse lunghissimo quello tra Papa Francesco e il presidente turco Erdogan, durato oltre 50 minuti. Sul tavolo, c'è lo status di Gerusalemme, ma anche la questione dei migranti, le persecuzioni dei cristiani e la "necessità di promuovere la pace e la stabilità nella Regione attraverso il dialogo e il negoziato, nel rispetto dei diritti umani e della legalità internazionale", rende noto la Santa Sede

Pagine