indagini

Pagina 1 di 5
Mercoledì, Giugno 13, 2018 - 08:00

Delitto Pamela Mastropietro, chiuse le indagini per Oseghale

La procura di Macerata ha chiuso le indagini nei confronti di Innocent Oseghale, il 29enne nigeriano in carcere per l'omicidio della 18enne romana Pamela Mastropietro. Al giovane contestati i reati di omicidio volontario aggravato, vilipendio, distruzione, occultamento di cadavere e violenza sessuale ai danni di una persona in condizioni di inferiorità psichica o fisica. La ragazza fu uccisa il 30 gennaio in un appartamento di Macerata. Oseghale, che ha finora respinto ogni accusa, è rimasto l'unico in prigione per la morte di Pamela. Cinque giorni fa su richiesta della Procura, il gip aveva revocato l'ordinanza di custodia cautelare per gli altri due cittadini nigeriani coinvolti nell'inchiesta.

Lunedì, Maggio 21, 2018 - 11:15

Proseguono le indagini sulla tragedia di Francavilla

Proseguono le indagini della Procura di Chieti sulla tragedia di Francavilla al mare, dove ieri un manager di 49 anni ha gettato da un viadotto la figlia 12enne e, dopo ore di trattative con le forze dell’ordine, si è lanciato a sua volta nel vuoto. In mattinata anche la moglie, un'insegnante di 51 anni, era precipitata da un balcone da un’altezza di circa dieci metri, morendo sul colpo. Ma gli inquirenti ritengono che, anche in questo caso, possa essere stato il marito ad averle dato una spinta. Sono così aperte tutte le piste, anche quella dell’omicidio

Lunedì, Febbraio 12, 2018 - 10:45

Macerata, pm: "Provvisori i risultati sulla morte di Pamela"

Sono ancora "provvisori" i risultati dell'attività investigativa svolta finora sulla morte di Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa e fatta a pezzi, il cui corpo è stato trovato nelle campagne di Pollenza, nelle Marche. Lo ha precisato il procuratore della Repubblica di Macerata, Giovanni Giorgio, sottolineando che le indagini "non possono ritenersi affatto concluse". La Procura di Macerata, infatti, è ancora in attesa di conoscere l'esito di numerosi accertamenti di laboratorio, effettuati o ancora da effettuare, da parte del Ris dei carabinieri di Roma. Il pm ha aggiunto che non intende "seguire o acconsentire a procedure di giustizia sommaria più che mai in una vicenda così delicata"

Giovedì, Novembre 30, 2017 - 09:30

Brescia: smantellata un'organizzazione di spaccio

La Polizia arresta dodici persone coinvolte nello spaccio di droga a Brescia. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile, hanno permesso di accertare centinaia di episodi di spaccio di dosi di eroina e cocaina a favore, per lo più, di clienti italiani.

Domenica, Novembre 19, 2017 - 11:30

Vaticano: "Accertati rapporti gay al collegio chierichetti"

Nuove indagini delle autorità vaticane condotte nel preseminario San Pio X, il collegio dove alloggiano i "chierichetti del Papa", confermerebbero casi di rapporti omosessuali tra i ragazzi ospiti negli ultimi anni. E' proprio la sala stampa della Santa Sede ad annunciare l'apertura di una nuova indagine, sottolineando l'importanza decisiva della testimonianza di un ex alunno del collegio. Era stato il giornalista Gianluigi Nuzzi a far esplodere il caso in un suo libro, ma i risultati delle precedenti indagini verrebbero ribaltati e il Vaticano non parla di abusi ma solo di rapporti gay tra i ragazzi

Lunedì, Novembre 13, 2017 - 21:15

Strage Lampedusa, le indagini devono continuare

Non si devono fermare le indagini sul naufragio dell'11 ottobre 2013 a Lampedusa nel quale persero la vita circa 300 persone, tra cui moltissimi bambini. Il gip di Roma ha respinto la richiesta di archiviazione della Procura sulla posizione di quattro ufficiali della Marina militare italiana e tre della Guardia costiera accusati di omissione di soccorso e ha ordinato di proseguire l'inchiesta per accertare eventuali responsabilità.

Domenica, Novembre 12, 2017 - 11:15

Sasso contro auto: proseguono le indagini

Proseguono nella zona di Cernusco sul Naviglio le indagini delle forze dell'ordine per identificare chi abbia lanciato la pietra che giovedì sera ha colpito un'auto che viaggiava su una strada della cittadina del Milanese provocando la morte di una donna di 62 anni, Nilde Caldarini, uccisa da un arresto cardiaco in seguito allo choc. Gli inquirenti sono convinti che si tratti di un residente o di un frequentatore della zona. Il sasso di oltre un chilo è stato lanciato da un terrapieno. Intanto, il sindaco di Cernusco sul Naviglio, Ermanno Zacchetti, lancia un appello su Facebook: "Chi ha visto qualcosa o pensa di poter aggiungere elementi utili per individuare i responsabili di questo gesto, si rivolga al più presto e con fiducia alle forze dell'ordine".

Domenica, Giugno 4, 2017 - 14:15

Champions, panico a Torino: si indaga per procurato allarme

Si indaga per procurato allarme per la calca di ieri sera a Torino. 1527 i feriti, il bilancio definitivo, tre in gravi condizioni, fra cui un bimbo cinese di sette anni, nella fuga di massa dei tifosi juventini che stavano guardando la finale di Champions sui maxischermi in piazza San Carlo. Il piccolo non è comunque in pericolo di vita. In prognosi riservata anche una ragazza. Da chiarire cosa abbia scatenato il caos: si ipotizza un falso allarme bomba dopo l'esplosione di un petardo che ha innescato un fuggi fuggi durante il quale ha ceduto la ringhiera di una scala del parcheggio sotterraneo in mezzo alla piazza. Un episodio che ha provocato ulteriore panico.

Domenica, Maggio 28, 2017 - 17:45

Manchester, indagini sul fratello di Abedi

Proseguono le indagini sull'attentato di Manchester di lunedì. Il fratello minore del kamikaze Salman Abedi, il 20enne Hashem, fermato giorni fa a Tripoli, faceva parte di una cellula che voleva assassinare l'inviato Onu in Libia Martin Kobler. Lo scrive il Telegraph che cita fonti diplomatiche. Ieri altri due arresti a Manchester, 11 in tutte le persone in custodia cautelare. La polizia lancia un appello a testimoniare perchè vuole ricostruire tutti i movimenti del kamikaze. Intanto in Gran Bretagna abbassato il livello di allerta terrorismo da "critico" a "severo.

Mercoledì, Dicembre 21, 2016 - 10:00

Strage di Berlino: indagini da rifare

Da rifare le indagini sulla strage di Berlino. Rilasciato il 23enne pachistano fermato subito dopo l'attentato di lunedì ai mercatini di Natale, rivendicato dall'Isis. I dubbi erano stati sollevati dagli stessi inquirenti tedeschi che hanno utilizzato il test del Dna per verificare la sua eventuale responsabilità nell'attentato. Il giovane si era detto subito estraneo ai fatti. Ricercato, quindi, il killer che ha lanciato il tir contro la folla uccidendo 12 persone e ferendone altre 48. Identificate 7 vittime. Sei sono tedesche, la settima è il camionista polacco ucciso dall'attentatore. Tra i dispersi una 31enne italiana, Fabrizia Di Lorenzo. Pessimisti i familiari: ci sono poche speranze, dice il padre.

Pagine