Spagna

Pagina 1 di 87
Venerdì, Dicembre 15, 2017 - 19:45

Catturato Igor il russo: nella sparatoria muoiono tre persone

Si era rifugiato in Spagna Igor il russo, il killer di Budrio catturato nella notte vicino Saragozza dopo uno scontro a fuoco con la Guardia Civil. Nella sparatoria sono morte tre persone: due militari e il proprietario di un ranch. Norbert Feher era ricercato per gli omicidi del barista di Budrio Davide Fabbri e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri. E' stato arrestato dopo una lunga caccia all'uomo in Italia e proseguita in Europa. "Con i familiari delle vittime di Igor c'era un "patto d'onore" per assicurare alla giustizia il killer in fuga", ha detto il ministro dell'Interni Marco Minniti che ha ringraziato le autorità spagnole.

Venerdì, Dicembre 15, 2017 - 19:45

Mondiali 2018, la Fifa di escludere la Spagna

La Fifa minaccia di escludere la Spagna dal Mondiale di Russia. Lo scrive "El Pais". Sulla decisione peserebbero "le ingerenze del governo spagnolo nell'elezione del nuovo presidente della Federcalcio iberica" indetta dopo lo scandalo che ha coinvolto l'ex numero 1 Angel Maria Villar, arrestato lo scorso luglio per corruzione. L'avvertimento della Fifa nasce dalla proposta realizzata dal Consiglio Superiore dello Sport di ripetere le elezioni del presidente che si sono tenute lo scorso maggio

Venerdì 15 Dicembre 2017 - 11:15

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone

Lunedì, Novembre 27, 2017 - 09:15

Spagna, crolla il pavimento di una discoteca: oltre 40 persone ferite a Tenerife

Quaranta persone sono rimaste ferite in una discoteca a Tenerife, nelle isole Canarie, in seguito al crollo del pavimento, sprofondato per 4 metri. L'incidente è avvenuto alle 2.30 di domenica mattina (ora locale). Oltre ai 22 feriti soccorsi sul posto o trasportati in ospedale, se ne sono aggiunti altri 18 che si sono recati con mezzi propri al pronto soccorso, ha spiegato il sindaco della città in una conferenza stampa.

Venerdì, Novembre 3, 2017 - 12:00

Prima notte in un carcere spagnolo per gli indipendentisti catalani

(LaPresse) Prima notte in un carcere spagnolo per gli indipendentisti catalani che hanno sfidato Madrid e ora rischiano 30 anni di carcere per ribellione, sedizione e malversazione. Il presidente destituito Puigdemont è rimasto in Belgio e per lui è pronto un ordine di cattura europeo. "Il governo legittimo della Catalogna incarcerato per le sue idee", denuncia su Twitter Puigdemont che poi, in un messaggio-video, chiede ai suoi concittadini di scendere in piazza, ma senza violenza. Oggi attese nuove manifestazioni di protesta in tutta la Catalogna.

Venerdì, Novembre 3, 2017 - 07:30

In carcere il governo catalano

Sono stati arrestati il vicepresidente Oriol Junqueras e sette ex ministri del governo catalano destituito da Madrid per i quali la Procura spagnola aveva chiesto l’arresto. Sono tutti accusati di ribellione, sedizione e malversazione; rischiano fino a 30 anni di carcere. Chiesto anche un mandato di arresto europeo per Carles Puigdemont, che si trova a Bruxelles e ha attaccato l’arresto. “Il governo legittimo della Catalogna è in carcere per le sue idee”, ha dichiarato l'ex presidente catalano con un tweet. Migliaia di persone in piazza in tutte le città catalane per denunciare gli arresti.

Mercoledì 01 Novembre 2017 - 12:15

"Processo non equo". Puigdemont non andrà alla Corte Nazionale

Lo fa sapere il suo avvocato. Tajani (presidente Parlamento Ue): "Non è un perseguitato politico, la Ue non c'entra"

Giovedì, Ottobre 26, 2017 - 16:45

Spagna, Mossos cercano di bruciare documenti sul referendum

La polizia spagnola ha impedito ai Mossos d'Esquadra di bruciare alcuni documenti inerenti il referendum indipendentista, sequestrando e sigillando il materiale per sottoporlo ad analisi approfondite. La polizia catalana, giunta in mattinata all'inceneritore di Sant Adria de Besos, nei pressi di Barcellona, si è trovata l’accesso sbarrato da una ventina di agenti della Policía Nacional, che hanno chiesto la consegna di tutta la documentazione. I Mossos, in mancanza dell’autorizzazione del tribunale, si sono però rifiutati. A quel punto la polizia si è rivolta a un giudice della Corte nazionale che ha acconsentito all’operazione tre ore più tardi.

Lunedì, Ottobre 23, 2017 - 13:15

Spagna, in piazza a Madrid per sostenere la Catalogna

Circa 500 persone si sono radunate domenica sera nel centro di Madrid per contestare la decisione del governo spagnolo di applicare l’articolo 155 della Costituzione e commissariare le istituzioni catalane. I dimostranti hanno esposto striscioni a favore dell’indipendenza e accusato Madrid di golpe. La manifestazione è avvenuta quasi in concomitanza con quella di Barcellona, cui hanno preso parte centinaia di migliaia di persone.

Domenica, Ottobre 22, 2017 - 09:30

Puigdemont: "Il peggior attacco alla Catalogna dai tempi di Franco"

"E' il peggior attacco dai tempi del franchismo". Così il leader indipendentista contro la decisione del premier spagnolo Rajoy di applicare l'articolo 155 della Costituzione, avocando a sè il controllo della Catalogna. Poi Puigdemont si rivolge all'Europa: "Se i valori fondamentali europei sono a rischio in Catalogna, essi saranno a rischio anche in Europa".

Pagine