Mercoledì 19 Luglio 2017 - 22:00

Tav Torino-Lione. La Francia ha deciso di prendersi una pausa

Lo ha detto il ministro dei Trasporti Elisabeth Borne. Motivazioni soprattutto economiche: Mancano i fondi

Una delegazione di parlamentari al cantiere TAV di Chiomonte

La Francia si prende "una pausa" sulla linea ad alta velocità Torino-Lione. Lo ha detto il ministro dei Trasporti d'Oltralpe, Elisabeth Borne, al sito Reporterre. "Riesaminiamo gli orientamenti in termini di mobilità", ha aggiunto, "faremo una legge di programmazione in cui non ci saranno più promesse non finanziate. La motivazione della decisione sembra essere più che altro di tipo economico. Anche in Francia i fondi non bastano per realizzare tutte le opere in programma o promesse.

"Dal momento che gli impegni che sono stati presi e le esigenze essenziali in termini di manutenzione e rigenerazione superano di dieci miliardi le entrate prevedibili - ha spiegato il ministro - in questa fase, siamo costretti a prendere una pausa a riflettere sul modello di mobilità e di priorità ai progetti. E poi andremo ad una legge di pianificazione in cui non ci saranno più in promesse non finanziate, ci saranno spese e soluzioni equilibrate definite di anno in anno, con una vista su dieci anni".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Pentagono ammette l'esistenza di un programma per cercare gli Ufo

Da anni il programma 'segreto' indaga sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, l'Onu lavora a bozza di risoluzione contro la mossa di Trump

Nel testo si evidenzia che qualsiasi decisione sullo status della città non ha alcun effetto legale

Sanità, Trump vieta la parole "transgender", "feto", "diritti" e "basato sulla scienza"

L'ordine riguarda i documenti ufficiali di bilancio del Center of Disease Control. Sette i termini cancellati. Imbarazzo e perplessità

AUT, 24. OSZE Ministerrat

Austria, Strache al governo con Kurz. Ministeri chiave a estrema destra

Il presidente austriaco ha dato luce verde alla formazione del nuovo esecutivo con la coalizione tra il Partito popolare (Övp) e gli ultranazionalisti del Partito liberale (FpÖ)