Venerdì 30 Giugno 2017 - 09:15

Torino, Appendino: Sono serena, ma c'è chi vuole speculare

"Mi auguro che sia fatta piena chiarezza sui fatti di piazza San Carlo"

Torino, Appendino: Sono serena, ma c'è chi vuole speculare

"Ho piena fiducia nel lavoro della magistratura e, come tutti i torinesi, mi auguro che sia fatta piena chiarezza su quel che è successo in piazza San Carlo". Così la sindaca di Torino Chiara Appendino, in un colloquio con La Stampa. "Sono serena e vado avanti", spiega, ma "c'è qualcuno che vuole speculare su questa tragedia, è questo che mi dispiace". "Io e la mia amministrazione siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità. Ci mettiamo la faccia. Come sempre".

Quanto all'amministrazione della città, Appendino sottolinea che "tutto dove ti giri trovi un problema che si è incancrenito. E io mi chiedo con quale coraggio certe persone possano accusarci". "Stiamo affrontando problemi - rimarca la sindaca - di cui da tempo nessuno si occupava".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bucarest, Paolo Gentiloni  incontra il Primo Ministro di Romania Viorica Dancila

Governo, 'pressing' Gentiloni: "Serve soluzione politica in tempi rapidi"

Il 'vecchio' premier sceglie Bucarest per lanciare un chiaro avviso ai partiti

Consultazioni della Presidente incaricata Maria Elisabetta Alberti Casellati

Niente accordo di governo. M5S: "Disponibili al contratto solo con la Lega"

Di Maio: "Da Fi e Fdi possiamo accettare solo un appoggio esterno. Per noi, limiti invalicabili"

Consultazioni della Presidente incaricata Maria Elisabetta Alberti Casellati

Consultazioni da Casellati: tutto fermo. Ultimatum di Di Maio a Salvini. Ma lui non lascia Berlusconi

M5S: "Centrodestra finzione". Il Cav: "Da parte nostra non c'è stato mai nessun veto". Il leader del Carroccio: "Usate Silvio per non andare al governo"

E' MORTO GIOVANNI LEONE

Governo, i tempi dell'esplorativo: dai 5 giorni di Fanfani ai 22 di Leone

Il primo mandato esplorativo della storia repubblicana fu affidato al presidente del Senato, Cesare Merzagora, il 6 maggio 1957