Giovedì 21 Settembre 2017 - 12:15

Torino, convegno sul liberalismo russo: passato, sconfitte e sfide

Si svolgerà dal 26 al 28 ottobre

Torino, convegno sul liberalismo russo: passato, sconfitte e sfide

L’Associazione Internazionale Reset-Dialogues on Civilizations organizza a Torino dal 26 al 28 ottobre il convegno internazionale per accendere di nuovo i riflettori sulla Russia e indagare, questa volta, le caratteristiche del liberalismo russo, andando oltre il suo fallimento, per comprenderne i tratti più complessi, spesso ambigui, la storia e le sfide più attuali.

Sebbene le vicende del liberalismo nella Russia contemporanea siano state marcate da sconfitte e insuccessi, i suoi rappresentanti hanno costituito e sono tutt’ora un movimento politico che merita attenzione. I progetti legati al liberalismo russo sono stati definiti e si sono evoluti in base alle circostanze storiche e alle sfide del momento, in un contesto istituzionale e internazionale che è cambiato nel corso del tempo. Quali sono le caratteristiche di questo fenomeno così complesso, articolato e di difficile definizione? È possibile individuare un unico paradigma descrittivo del liberalismo russo o si può parlare di diverse forme di liberalismo? Chi sono i suoi rappresentanti e quali le sfide attuali?

Dopo un primo incontro del 2015, a Berlino, un secondo appuntamento nel 2016 a Washington ed un terzo evento a Venezia lo scorso giugno, in collaborazione con le migliori università statunitensi, europee e russe, il convegno di ottobre, organizzato insieme all’Università di Torino, all’Institute for European, Russian and Eurasian Studies e al William and Mary College, coinvolgerà ancora una volta i maggiori studiosi della Russia contemporanea nel mondo per discutere ed interrogarsi su questi temi. Tra gli esperti di rilievo internazionale, interverrà di nuovo anche Nina Khrushcheva, nipote del leader russo Nikita Khrushev e docente alla New School di New York.

Il convegno, gratuito e aperto a tutti, previa registrazione sul sito www.resetdoc.org, sarà l’occasione per una contestualizzazione storica di ciò che il liberalismo russo ha significato nelle diverse epoche e di ciò che rappresenta oggi, dialogando tra presente e passato.

Parteciperanno: Gianmaria Ajani, Giuliano Amato, Alexey Barabashev, Giancarlo Bosetti, Andrea Graziosi, Steve Hanson, Peter Holquist, Aleksei Kara-Murza, Nina Khrushcheva, Igor Klyamkin, Mark Kramer, IgorKhristoforov, Marlene Laruelle, Alberto Masoero, Sergey Medvedev, Andrei Melville, Benjamin Nathans, Alexander V. Obolonsky, Ekaterina Pravilova, Kirill Rogov, Guillaume Sauvé, Svetlana Savranskaia, Alexander Semyonov, Viktor Sheinis, Valery Smirnov, Valeryi Solovey, Roberto Toscano, Evgeny Yassin, Olga Zhukova, Vladislav Zubok.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti