Lunedì 03 Luglio 2017 - 10:00

Torino, dipendenti pubblici con doppio lavoro: truffa da 1,5 milioni

Amministravano condomini da dieci anni: la Finanza smaschera un impiegato pubblico e un insegnante

Milano, Celebrazioni anniversario fondazione Guardia di Finanza presso la Caserma Cinque Giornate in via Melchiorre Gioia

Svolgevano una seconda attività professionale senza alcuna autorizzazione. Si tratta di due sessantenni, un impiegato pubblico e un insegnante, che da dieci anni amministravano condomini in modo professionale, utilizzando una partita Iva. Una truffa da oltre 1,5 milioni di euro, secondo la guardia di finanza di Torino.

L'impiegato ha amministrato in totale 33 condomini per un guadagno di 450mila euro, mentre l'insegnante ne ha gestiti 144, percependo così un guadagno che supera il milione di euro.

Ora per i due dipendenti infedeli inizierà un procedimento disciplinare e l'iter per il recupero di tutti i compensi relativi agli incarichi extra-istituzionali ricoperti negli ultimi dieci anni, mentre per i committenti, che per legge avevano l'obbligo di appurare che il professionista non fosse un pubblico dipendente, è prevista una sanzione amministrativa commisurata agli emolumenti corrisposti all'impiegato pubblico negli ultimi cinque anni che, se pagata entro 60 giorni, è ridotta a un terzo. A fronte delle situazioni a oggi accertate, l'attività ispettiva ha già permesso di recuperare una somma superiore ai 350.000 euro.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, trascinata per metri da auto pirata: morta donna anziana

L'investitore è fuggito senza fermarsi a prestare soccorso

Walter Veltroni morso da un cane alla Festa dell'Unità: primo soccorso in ambulanza

Monacalieri, 7 medici indagati per una donna morta di parto

Il provvedimento della Procura di Torino. I fatti si riferiscono all'aprile dell'anno scorso. Anche la figlioletta nacque morta

Embraco conferma 500 licenziamenti. Calenda: "Atto irresponsabile"

L'azienda del gruppo Whirlpool pronta a mandare a casa i lavoratori dello stabilimento di Riva di Chieri, nel torinese

Milano, deraglia treno tra Pioltello e Segrate

Treno deragliato a Milano, figlio di ferito: "Nessuno sapeva dirci se fosse vivo"

Il racconto: "È mancata la comunicazione ai familiari. Anche io sarei dovuto essere su quel convoglio"