Domenica 17 Settembre 2017 - 12:00

Torino, ha due puma nel giardino: 35enne rischia multa da 300mila euro

"Mi sono sembrati due bei micioni", si è difeso l'uomo in tribunale

Lo scorso 12 settembre è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il decreto legislativo che stabilisce l'assorbimento del Corpo Forestale dello Stato all'interno dell'Arma dei Carabinieri.

Rischia una multa di 300mila euro per detenzione illegale di animali esotici. Mario Ginatta, 35enne di Fiano, aveva nella sua tenuta due cuccioli di puma: i felini sono stati portati via dalle guardie zoologiche e lui è finito a processo in Tribunale a Ivrea dove il pm ha chiesto una multa di 300 mila euro. 

La sentenza è prevista per il 13 dicembre. Come riporta il quotidiano la Stampa, Ginatta in aula ha spiegato di non trovare "nulla di grave in quello che è successo. A dire il vero mi sono sembrati due bei micioni". Secondo il racconto del 35enne, i due cuccioli di puma erano entrati nell'enorme parco che circonda la tenuta della sua famiglia, alla Mandria, un mattino di settembre di due anni fa. "Il domestico mi chiese che cosa doveva fare e io gli dissi di tenerli, perché se qualcuno li avesse poi reclamati avremmo saputo a chi restituirli", ha dichiarato.

I felini, però, hanno terrorizzato gli ospiti dei vicini della famiglia Ginatta tanto da portarli a rinchiudersi in auto e a segnalare poi la detenzione degli animali esotici ai carabiniei e agli agenti della Forestale. I puma, ormai adulti, sono stati affidati all'oasi di San Sebastiano Po.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti