Mercoledì 08 Marzo 2017 - 20:45

Licenziato dopo un trapianto di fegato: colleghi in sciopero

E' successo nel Torinese a un operaio della Oerlikon Graziano. La Fiom: "E' un fatto grave"

Torino, licenziato dopo trapianto fegato: colleghi in sciopero

E' tornato in fabbrica, otto mesi dopo un trapianto di fegato, ma ha scoperto di non avere più un posto di lavoro. E' quanto successo lunedì ad Antonio Forchione, 55 anni, licenziato dalla Oerlikon Graziano, azienda metalmeccanica di Rivoli (Torino), con oltre 700 dipendenti. I suoi colleghi hanno reagito oggi con uno sciopero di due ore su tutti i turni, proclamato da Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil. "E' un'iniziativa nata da un lato in solidarietà del lavoratore, dall'altro perché c'è la consapevolezza che potrebbe capitare ad ognuno di loro. E' un fatto grave, perché l'azienda ha motivato la decisione spiegando che non avrebbe dove collocarlo e mi sembra difficile da dimostrare", ha spiegato a LaPresse Edi Lazzi, responsabile della sede di Collegno della Fiom Cgil. "Cercheremo di aprire un tavolo con l'azienda, altrimenti il lavoratore impugnerà la decisione, ma francamente siamo fiduciosi", ha aggiunto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Juventus vs Real Madrid - Finale Champions League 2016/2017

Finale di Champions Juve-Real, indagato il portavoce della sindaca Appendino

L'inchiesta riguarderebbe l'organizzazione della proiezione al Parco Dora di Torino, dove era stato collocato un altro maxischermo oltre a quello di piazza San Carlo

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice

Roma, chiesto processo per riciclaggio per Fini e i Tulliani

Sono accusati di essere coinvolti nel giro di affari del 're delle slot' Francesco Corallo