Lunedì 05 Giugno 2017 - 12:00

Torino, questore: Ordinanza bottiglie vetro è incostituzionale

"Abbiamo fatto di più di quello che è stato fatto in eventi analoghi"

Torino, questore: Ordinanza bottiglie vetro incostituzionale

"Quell'ordinanza era stata dichiarata incostituzionale, non valida". Cosi il questore di Torino, Angelo Sanna, rispondendo ai cronisti in merito alle polemiche sulla ordinanza che vieta il possesso di bottiglie di vetro e metallo in luoghi pubblici durante le grandi manifestazioni come la partita di Champions League trasmessa sabato sera su maxischermo a Torino in piazza San Carlo.

"Abbiamo fatto di più di quello che è stato fatto in eventi analoghi, compreso la partita Juve Barcellona di un mese, un mese e mezzo fa. Adesso tutta la situazione la stiamo rielaborando. Credo che ora sia importante lavorare sul motivo che ha causato questa tragedia.  Definiamola tragedia perché il numero dei feriti è alto, ma incrociando le dita, ancora non abbiamo avuto qualcosa di brutto. Stiamo seguendo con attenzione i feriti gravi e ovviamente siamo vicino a chi ha riportato ferite, soprattutto quelli che sono molto gravi. Ma ora è importante capire cosa è successo e trovare, là dove esistono, le responsabilità", ha aggiunto il questore.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Vittorio Emanuele III in Italia, la comunità ebraica contro il rientro: "Fatto inquietante"

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere