Venerdì 12 Gennaio 2018 - 16:45

Torino, si dimettono i revisori dei conti del Comune: "Troppe pressioni"

La polemica con la giunta Appendino andava avanti da tempo sulla partita del bilancio

Sindaca Appendino durante minuto di silenzio per le vittime di Dacca

Dopo mesi di scontri, alla fine è arrivata l'ufficializzazione del 'divorzio': i revisori dei conti del Comune di Torino hanno rassegnato le proprie dimissioni. La polemica con la giunta Appendino andava avanti da tempo sulla partita del bilancio, in particolare per la scelta dell'amministrazione di non iscrivere un debito di 5 milioni di euro da restituire alla Ream, società della Fondazione Crt, vicenda che vede indagati la sindaca Chiara Appendino e l'assessore al Bilancio.

"L'organismo di revisione in quanto organo di controllo è per definizione estraneo alle dinamiche politiche e deve essere dotato di supporto adeguato. Per contro, i noti accadimenti degli ultimi mesi hanno generato difficoltà nello scambio delle comunicazioni", scrivono i tre revisori Henri Fenoglio, Maria Maddalena De Finis e Nadia Rosso, "l'assenza di collaborazione dell'ente con il Collegio dei revisori e le pressioni ricevute sono state fonte di disagi operativi e incomprensioni". "Siamo sorpresi delle dichiarazioni dei revisori dei conti", la replica della sindaca M5S, "la giunta e l'ente che rappresento hanno sempre offerto la massima collaborazione. Prendiamo atto delle dimissioni".

Più dura la replica del presidente del Consiglio comunale di Torino, Fabio Versaci: "La mia disponibilità nei confronti del presidente Fenoglio e del collegio tutto non è mai mancata. A riprova di ciò, in questi mesi, è stata mia premura raccogliere diverse prove documentali a testimonianza della costante collaborazione dei nostri uffici. Non solo l'ente ha sempre collaborato, ma anche il Consiglio ha ottimamente esercitato il suo ruolo di controllo e indirizzo, chiedendo spiegazioni sia sui pareri emessi dal collegio, sia sulle inopportune dichiarazioni a mezzo stampa rilasciate del collegio stesso in questi mesi". "Non posso che ritenere gravi e lesive dell'immagine della città di Torino queste affermazioni - attacca Versaci -. Faremo presto chiarezza rispondendo nelle sedi opportune".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale