Giovedì 25 Gennaio 2018 - 17:45

Treno deragliato a Milano, figlio di ferito: "Nessuno sapeva dirci se fosse vivo"

Il racconto: "È mancata la comunicazione ai familiari. Anche io sarei dovuto essere su quel convoglio"

Milano, deraglia treno tra Pioltello e Segrate

"Mio padre è stato uno degli ultimi ad essere estratto vivo. Dovevo prendere quel treno anche io, ringrazio il fatto di essere pigro". È la testimonianza dall'ospedale San Raffaele di Milano di Davide, figlio di uno dei feriti rimasti coinvolti nell'incidente ferroviario di Pioltello (Milano).

"Mio padre, sotto shock, ha detto che i soccorsi sono stati ottimi, dall'estrazione sul posto a poi le cure mediche prestate in ospedale. L'unica recriminazione che faccio è a chi gestisce le informazioni della linea ferroviaria", afferma l'uomo, quarant'anni. "Il problema principale - racconta - è la mancata comunicazione ai famigliari dei coinvolti. Solo grazie alla lucidità di mio padre sono riuscito a sapere cosa è successo. Lui era a bordo della carrozza più devastata, e quando i soccorritori lo hanno tirato fuori dalle lamiere ha dato il numero del telefono di casa a una signora chiedendole di chiamarci per dirci cosa era successo e che era salvo".

Loading the player...

"A quel punto - continua Davide - ho chiamato due volte il call center delle ferrovie e mi è stato detto che non c'erano né vittime né feriti. Il tempo di arrivare a casa e vedere le notizie per capire che la situazione era invece molto grave. Ho quindi richiamato il call center e mi è stato detto che non avevano alcuna informazione da darmi. Per fortuna un'ora e mezza dopo l'incidente mio padre si è fatto prestare il cellulare da un'infermiera che lo stava portando in ambulanza in ospedale, e ci siamo precipitati al San Raffaele. Ma se non fosse stato lucido non avrei saputo niente". L'anziano, riferisce il figlio, "ha una frattura scomposta a una caviglia, ma il trauma più forte è quello psicologico". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Moschea di viale Jenner

Torino, 26enne uccide patrigno a colpi di pistola e poi chiama carabinieri

La discussione per futili motivi è iniziata a cena, il 26enne si è procurato una pistola e ha colpito il 59enne sparandogli più volte

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione Osakue, cure al cortisone: l'atleta rischia di saltare gli Europei

La giovane campionessa nel lancio del disco, colpita a un occhio da un uovo, forse dovrà dire addio a Berlino per le norme antidoping

Daisy Osakue, campionessa azzurra di origine nigeriana aggredita

Aggressione a Osakue, la Procura di Torino indaga per lesioni senza aggravante razziale

L'atleta azzurra, di origini nigeriane, colpita al volto da un uovo lanciato da un'auto in corsa. Non si esclude nessuna ipotesi dato che si sono verificati altri casi simili e le vittime non erano di colore

Champions League, panico a Torino in piazza San Carlo: tifosi della Juve in fuga

Torino, spray in piazza San Carlo: arrestato quinto componente della banda

Nel 2017 durante la proiezione della finale di Champions tra Juve e Real Madrid, scatenarono il panico causando la morte di una donna e il ferimento di oltre 1500 persone