Sabato 30 Settembre 2017 - 10:45

Treviso, mamma muore di cancro e lascia 18 anni di regali per la sua bimba

Elisa, stroncata da un male incurabile, ha deciso di lasciare un percorso di doni per Anna

Un puzzle, una trousse, un mappamondo. Sono solo alcuni dei dei regali che Elisa Girotto, mamma 40enne di Spresiano, in provincia di Treviso, ha deciso di lasciare alla sua piccola Anna prima che una rara forma di cancro la protasse via. 

Il marito Alessio racconta la sua ultima impresa, dal letto della clinica dove Elisa era ricoverata per alleviare il dolore. Indebolita dalla malattia e dalle cure ha raccolto tutte le sue forze e ha iniziato a fare shopping online, per quest'ultimo grande gesto: anticipare quel rapporto che non avrebbe potuto avere con Anna e creare dei ricordi perché la piccola possa sentire comunque il suo amore, nonostante l'assenza.

La terribile scoperta coincide con il giorno della nascita di Anna, circa un anno fa. Il giorno più bello della sua vita diventa all'improvviso un incubo: Elisa è diventata mamma, ma ha un cancro raro e incurabile. Con Alessio si sarebbero sposati questo settembre, ma quel male che la divora dentro non concede tempo. Così decidono di anticipare le nozze al 12 agosto. Festeggiano in tre, circondati dall'amore dei cari. Poi la salute di Elisa precipita e viene ricoverata. Inzia così la raccolta.

Un regalo per ogni compleanno e per ogni Natale, scelto con cura per ogni età e per ogni momento. Giochi didattici per i primi anni, vestiti e trucchi per l'adolescenza e quel mappamondo di sughero, l'utimo dono, per fermare con le puntine luoghi visitati e ricordi. "Così ti accompagnerò fino ai tuoi 18 anni".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

THEMENBILD, Tourismus am Mont Blanc

Muore alpinista italiano sul Monte Bianco. Saliva in solitaria non assicurato

La tragedia sulle Grandes Jorasses. Caduta di 600 metri. Due vittime domenica sul versante svizzero del Cervino

Maltempo in Calabria, escursionisti travolti dalla piena di un torrente: otto morti

Tragedia nelle gole del Raganello a Civita di Castrovillari (Cosenza). Cinque i feriti, incerto il numero dei dispersi

Crollo ponte Genova: posizionato georadar che monitora i tronconi

Il Procuratore Cozzi: "Inchiesta lunga. Non escluse concause geologiche o sismiche"

Parla a LaPresse il capo della Procura di Genova. Esclusa la questione del meteo. Autorizzate rimozioni. Imprevedibilità? "No, un ponte è fatto per stare in piedi"

Papa Francesco recita il tradizionale Angelus della Domenica

Pedofilia, Papa: "Che vergogna, abbiamo abbandonato i piccoli"

La presa di posizione del Pontefice dopo lo scandalo Pennsylvania