Giovedì 30 Novembre 2017 - 15:30

Un corpo nell'Adda. E' del giovane che ha ucciso il padre

Tragico epilogo per una storia triste di affetto e depressione. L'uomo ha strangolato il padre e si è buttato nel fiume

Trovato nel fiume Adda a Comazzo (Lodi) il corpo di un uomo. Quasi sicuramente è quello di Alberto Hugo Begatti, il giovane milanese di 31 anni sospettato di aver strangolato il padre Guido e di aver lasciato il cadavere chiuso in una stanza per due settimane.

Una vicenda molto triste. Alberto Hugo Begatti era piombato in depressione dopo la morte della madre avvenuta pochi mesi fa. Padre e fglio erano molto legati e si dedicavano affettuosamente alla cagnetta di famiglia. Tutto deve essere precipitato l'11 novembre scorso novembre. Il giovane, quasi sicuramente, ha strangolato il padre e lo ha composto in una camera coprendone il corpo di polvere di cemento con l'idea, forse, di ritardarne la decomposizione. Poi ha chiuso la stanza e l'ha sigillata con il silicone. Dopo due settimane, ha scritto una mail e poi lasciato una lettera al veterinario in cui, pur non confessando l'omicidio gli lasciava le chiavi e chiedeva di occuparsi della cagnetta. Il veterinario ha chiamato i carabinieri che sono entrati nell'appartamento dei Begatti (in via XXII Marzo, 37) e hanno trovato il cadavere del padre. Del figlio, nessuna traccia. Ieri, però, la sua auto è stata trovata vicino all'Adda e tutti hanno pensato ad un tragico epilogo. Il ritrovamento del corpo di Alberto Hugo (figlio adottivo di origini sudamericane) dovrebbe chiudere questa storia.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ritrovato in una cascina il corpo di Manuela Bailo

Scomparsa a Brescia, confessa l'ex amante: "L'ho uccisa io"

Appena tornato dalle vacanze in Sardegna ha portato gli inquirenti sul luogo dove ha sepolto il corpo ad Azzanello. Della donna non si avevano più notizie dal 29 luglio

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda

Lombardia, contraccettivi gratis per gli under 24 nei consultori

L'ordine del giorno mira a sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile