Venerdì 02 Marzo 2018 - 10:15

Trump annuncia dazi: "Guerre commerciali facili da vincere". Giù la Borsa

Crollo a New York, Tokyo e negli altri listini asiatici. Berlino: "Ue risponda con determinazione"

FILES-CHINA-US-ECONOMY-TRADE-TRUMP-TARIFF

Siamo solo agli annunci, ma le reazioni (più o meno dure) già si vedono. Ieri Donald Trump ha dichiarato di avere deciso di imporre dazi del 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% su quelle di alluminio e che firmerà il provvedimento "la prossima settimana". L'annuncio è avvenuto nel corso di una riunione con diversi manager di aziende nella Cabinet Room della Casa Bianca: "Firmerò la prossima settimana. E fra poco avrete protezione per un lungo periodo. Dovrete far ricrescere le vostre industrie, è tutto ciò che chiedo". 

Una decisione, quella di Trump, che conferma la minaccia del protezionismo e che potrebbe alimentare una guerra commerciale. In più, i dazi vengono considerati anche un fattore inflazionistico, in quanto implicano prezzi più alti per i consumatori.

La prima a mostrare gli effetti post annuncio è la borsa di New York, con l'indice Dow Jones che perde l'1,7% chiudendo a 24,608.98 punti. In calo anche S&P 500 che perde l'1,3% chiudendo a 2,677.67 e il Nasdaq che chiude con -1,3% a 7,180.356 punti. Tonfo anche a Tokyo con l'indice Nikkei 225, che chiude la giornata di contrattazioni scivolando del 2,50%, a  21.181,64 punti. Reazione negativa anche da parte di altri listini azionari asiatici. Hong Kong -1,45%, Sidney -0,74%, Shanghai -0,49%, Seoul -0,74%.

Poi è la volta della Cina, che ha invitato gli Stati Uniti a "esercitare moderazione nell'uso degli strumenti di protezione commerciale". "Se tutti i paesi seguiranno l'esempio degli Stati Uniti, questo porterà indubbiamente a un serio impatto sull'ordine commerciale internazionale", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying. La Cina è il più grande produttore mondiale di acciaio, ma rappresenta meno dell'1% delle importazioni statunitensi e vende solo il 10% del suo alluminio lavorato all'estero. I produttori di acciaio in Canada, Brasile, Messico, Corea del Sud e Turchia dipendono molto più pesantemente dal mercato statunitense.

Sul fronte europeo, è Berlino a farsi sentire. Per il ministro tedesco, Sigmar Gabriel, l'Unione europea deve rispondere "con determinazione" alla decisione del presidente. Il passaggio da Washington è stato "non del tutto accettabile", ha detto Gabriel, aggiungendo che i produttori tedeschi ed europei "non praticano una concorrenza sleale con il dumping sui prezzi" e ritengono che "il presidente Trump dovrebbe ripensare al suo annuncio".

Rincara la dose Steffen Seibert, portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel. "Il governo federale respinge tali dazi - ha detto il portavoce - il problema della sovraccapacità globale nei settori dell'acciaio e dell'alluminio non può essere risolto con questa misura unilaterale dagli Stati Uniti". Seibert, parlando con i giornalisti a Berlino, ha aggiunto che la Germania guarderà "molto da vicino" i dettagli delle misure protezionistiche quando emergeranno la prossima settimana.

Anche la Russia si è detta "preoccupata". "Sappiamo - ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov - che in molte capitali europee è stata espressa preoccupazione in merito a questa decisione, condividiamo questa preoccupazione e stiamo analizzando la situazione che sta emergendo nelle relazioni commerciali".

Trump, ovviamente, va avanti per la sua strada e su Twitter replica: "Quando un Paese (Usa) sta perdendo molti miliardi di dollari nel commercio con ogni Paese con cui fa affari, le guerre commerciali sono buone e facili da vincere". "Esempio, se siamo sotto di 100 miliardi di dollari con un certo Paese e fanno i furbi, non si commercia più - vinciamo forte. E' facile!".

 

 

 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Vertice Ue sui migranti a Bruxelles

Migranti, manca intesa Ue: Macron e Merkel puntano ad accordi bi-trilaterali

La soluzione europea al fenomeno migratorio è ancora lontana

Vertice Ue sui migranti a Bruxelles

Migranti, i 10 punti della proposta Conte

Da "chi sbarca in Italia, sbarca in Ue" ai "centri di protezione"

TURKEY-POLITICS-VOTE

Voto Turchia, Erdogan riconfermato. Fermati 4 italiani ai seggi

Il principale avversario, Ince, sfiora il 30%. I nostri connazionali, con altri 6 stranieri, erano osservatori antibrogli

SAUDI-SOCIETY-WOMEN-DRIVING

Arabia Saudita, stop al divieto di guida per le donne: ma attiviste ancora in carcere

Un evento storico all'interno di un più vasto piano per modernizzare il ricco paese del petrolio