Lunedì 17 Aprile 2017 - 12:30

Turchia, l'opposizione chiede l'annullamento del referendum

"La decisione di accettare anche le schede senza timbro è illegale"

Turchia, l'opposizione chiede l'annullamento del referendum

Bulent Tezcan, vice presidente del Partito popolare repubblicano (Chp) in Turchia, chiede l'annullamento del risultato del referendum costituzionale di ieri, annunciando che se necessario lo porterà davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo. Tezcan ha riferito che il partito ha ricevuto denunce da molte regioni, secondo cui degli elettori non avrebbero potuto votare con la dovuta segretezza e alcune schede sarebbero state conteggiate in segreto. Inoltre, secondo il leader dell'opposizione, la decisione di accettare anche le schede senza timbro è illegale.

Il politico ha annunciato che il Chp presenterà inizialmente una denuncia alle autorità municipali elettorali e alla commissione elettorale suprema turca (Ysk), e che a seconda di quale sarà l'esito potrà poi rivolgersi alla Corte costituzionale, alla Corte europea dei diritti dell'uomo e ad altre autorità competenti.

 

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Londra, adolescente accoltellato a morte: tre giovani arrestati

La vittima e gli aggressori avevano partecipato insieme ad una festa di compleanno

TURKEY-POLITICS-ELECTIONS

Turchia al voto: i cinque scenari possibili

Erdogan riuscirà a vincere le presidenziali al primo turno e mantenere la maggioranza in Parlamento?

Discorso di Erdogna in piazza a Istanbul

Turchia al voto: Erdogan vuole un mandato con poteri rafforzati

Il presidente resta il favorito, ma per lui la corsa si annuncia più difficile del previsto

Emmanuel Macron riceve Pedro Sanchez all'Eliseo

Macron: "In Italia non c'è una crisi migratoria, ma politica causata da estremisti". Sanchez: "Roma egoista"

Il presidente annuncia le posizioni di Francia e Spagna in vista del mini vertice di Bruxelles e attacca nuovamente la linea di Salvini. La replica: "Arrogante". E Di Maio: "Sono nostro nemico numero uno"