Venerdì 21 Aprile 2017 - 09:00

Turchia, la sorella di Del Grande: Gabriele, ti aspettiamo a casa

Oggi la delegazione consolare dovrebbe incontrare il giornalista nel centro di detenzione amministrativa di Mugla

Turchia, la sorella di Del Grande: Gabriele, ti aspettiamo a casa

"Gabri, ti aspettiamo a casa, e ti aspetta una stramega cena, rigorosamente vegana, e soprattutto ti aspetta un sacco di affetto, perché ci stai mancando tantissimo". E' il messaggio che questa mattina, con un video postato sulla pagina Facebook 'Io sto con la sposa", Elena Del grande, rivolge simbolicamente al fratello Gabriele, il blogger e documentarista lucchese in stato di fermo in Turchia da dodici giorni.
Oggi la delegazione consolare italiana dovrebbe incontrare Gabriele Del Grande nel centro di detenzione amministrativa di Mugla. Il blogger lucchese da tre giorni ha iniziato uno sciopero della fame. E i suoi amici e familiari hanno deciso di sostenerlo con una staffetta del digiuno.

 "Raccolgo io questa staffetta di digiuno - spiega Elena Del Grande -, e oggi per noi sarà una giornata molto particolare, perché stiamo aspettando delle notizie importanti che potrebbero stravolgere la nostra giornata, che possono indicarci quale è il prossimo passo da fare, perché siamo sicuri che ci sia una direzione giusta da seguire per tirarlo fuori".
La sorella di Gabriele, infine, auspica "di non doverci rivedere, perché vorrebbe dire che questa situazione dura nel tempo e che pure ci toccherà continuare a digiunare, come se stessimo mangiando in questi giorni".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cosenza, caporalato a danno di rifugiati: pagati in base a colore pelle

Gli ospiti del centro accoglienza portati a lavorare nei campi per 10 euro in meno rispetto ai "colleghi" bianchi

Papa Francesco celebra la Santa Messa di Pasqua - Urbi et Orbi in Piazza San Pietro

Vaticano, gendarmeria allontana clochard per "decoro pubblico"

Fatti spostare dai bivacchi. Ma potranno ancora dormire nel colonnato del Bernini

Nicolina si poteva salvare. La madre aveva denunciato l'omicida

La tragedia di Ischitella. La donna aveva presentato diversi esposti, ma nulla era successo. Il ministro Orlando annuncia verifiche