Mercoledì 13 Giugno 2018 - 13:00

Udine, uccide la moglie e si suicida nello studio del notaio

L'uomo, un architetto di 80 anni, ha sparato alla consorte. Erano divorziati e stavano vendendo una casa

Omicidio-suicidio in uno studio di un notaio a Udine

Sparatoria in pieno centro a Udine intorno alle 10.30 nello studio notarile Amodio, in via Rialto. Dalle prime ricostruzioni, ad aprire il fuoco pare è stato l'ottantenne architetto Giuliano Cattaruzzi, che avrebbe sparato alcuni colpi, di cui uno fatale, alla ex moglie Donatella Briossi, di 64 anni. L'uomo si è poi spostato in un angolo della stanza e ha rivolto l'arma verso se stesso, uccidendosi.

La coppia era già divorziata e si trovava nello studio per l'atto di vendita della casa di proprietà comune. Nella sparatoria è stato ferito anche l'avvocato che si stava occupando della pratica, ma la ferita è molto lieve, tanto da non richiedere il trasporto al pronto soccorso: l'uomo è stato medicato direttamente sul posto.

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, cornicione caduto in via Manara

Presidente 118: "Vite a rischio con numero unico 112". Appello a Salvini e Giulia Grillo

Intervista a Mario Balzanelli: "Perché rischiare se l'Europa non ce lo chiede? Ogni minuto guadagnato permette più possibilità di salvezza"

Omicidio Varani, in appello pg chiede 30 anni di carcere per Foffo

Il 23enne morì a Roma il 4 marzo del 2016 dopo quasi due ore di sevizie inflitte dall'imputato e dal complice Marco Prato

Legalisation of cannabis for medical conditions in Ireland

Composizione, effetti e regole: tutto quello che c'è da sapere sulla cannabis light

Il 'no' del Consiglio Superiore della Salute alla vendita della marijuana leggera ha riaperto il dibattito sulle infiorescenze della canapa con Thc inferiore allo 0,6%

Carabinieri sul luogo di un omicidio in Via Marx 495 a Sesto San Giovanni

Uscire da soli alla sera: un quarto degli italiani ha paura

I dati del'Istat sulle insicurezze dei cittadini. Meno della metà (44%) dichiara di sentirsi tranquilli per strada al buio