Venerdì 10 Marzo 2017 - 14:30

Un antibiotico su due mal somministrato: arriva piano di controllo

L'Italia risulta essere tra i più elevati consumatori di antibiotici, superata solo da Belgio, Francia, Cipro, Romania e Grecia

Un antibiotico su due mal somministrato: arriva piano di controllo

 L'Italia risulta essere tra i più elevati consumatori di antibiotici, superata solo da Belgio, Francia, Cipro, Romania e Grecia. Si consuma, secondo gli ultimi dati, l'80% circa degli antibiotici nella medicina generale e le fasce di età dove il consumo è maggiore sono dalla nascita a 5 anni e da 65 anni in poi. Nel 50% dei casi gli antibiotici vengono somministrati in maniera inappropriata. Al momento attuale per i batteri resistenti si può parlare di endemia: questo è il vero problema della sanità sia livello ospedaliero, residenziale e del territorio. Per questa ragione sarà approvato, entro la fine della primavera, un piano di controllo sulla gestione degli antibiotici .

Se n'è parlato a Milano in occasione dell'apertura del Sesto Congresso Internazionale AMIT, Argomenti di malattie infettive e tropicali, organizzato e presieduto da Marco Tinelli , direttore dell'Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive e Tropicali, Azienda Ospedaliera di Lodi, nonché segretario nazionale Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali. Nella due giorni di approfondimento su batteri, patologie e nuovi rimedi, oltre trecento gli specialisti provenienti da tutta Italia e dall'estero , con le relazioni di tanti specialisti internazionali.

 Durante l'appuntamento erano presenti i principali responsabili di questo importante progetto. Sono stati presentati agli specialisti i provvedimenti che costituiscono il corpus normativo e disciplinare che sarà distribuito e inviato per discussione e approvazione alla conferenza Stato-Regioni. Successivamente arriverà per approvazione al ministero, per diventare quindi decreto legge. Entro la fine della primavera sarà già messo in pratica.

La Simit, a proposito della migliore gestione  degli antibiotici (che in molti casi possono arrivare ad un livello di inappropriatezza fino al 50%) ha da tempo avanzato una proposta di organizzare periodici corsi di aggiornamento al fine di poter rilasciare una sorta di "patente graduata" per la somministrazione di alcuni antibiotici "salvavita", mentre per la maggioranza di essi  il medico potrà prescrivere, come avviene da sempre, quello che ritiene più opportuno. Si dovranno seguire comunque periodici corsi di aggiornamento.

"Ritorniamo sul provvedimento più semplice - dice Marco Tinelli - quello di sensibilizzare, sia la popolazione che gli specialisti, al lavaggio delle mani. Attenzione anche alla veterinaria: specialmente negli allevamenti avicoli il largo uso di antibiotici, utili ad eliminare le infezioni, provocano multiresistenze e infezioni che si possono anche ripercuotere sulla salute dell'uomo. Un'ultima attenzione per la formazione sul buon uso degli antibiotici a livello dell'educazione civica , che deve partire, come avviene nei paesi nordici, addirittura dalle scuole primarie. Urge capire cosa sono, come si usano, perché e quando. Occorre farlo sin da bambini".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi