Venerdì 13 Ottobre 2017 - 16:15

Una manovra per la vita: in 50 piazze si impara a salvare i bimbi dal soffocamento

Appuntamento domenica 15 ottobre con la decima edizione dell'iniziativa della Società di medicina d'emergenza e urgenza pediatrica 

Neonato morto ospedale Policlinico Casilino

Quando un bambino rischia di soffocare dopo aver ingoiato o inalato cibo o giocattoli bisogna poter intervenire alla svelta. Ecco perché è importante che tutti sappiano agire: non solo i medici e le squadre del pronto soccorso, ma anche insegnanti, genitori, nonni e fratelli. E insegnare come comportarsi nel caso di un episodio così frequente e drammatico è proprio lo scopo di Una Manovra per la vita, evento organizzato dalla SIMEUP (Società di medicina d'emergenza e urgenza pediatrica) che, ogni anno da ben dieci anni, coinvolge nelle piazze italiane i migliori istruttori “salvavita”, proprio con l'obiettivo insegnare ai familiari come comportarsi nel caso di un episodio così frequente e drammatico.

Quest’anno la giornata formativa si terrà il 15 ottobre e vedrà coinvolte oltre 500 persone fra medici e infermieri, tutti istruttori SIMEUP, in circa 50 piazze d'Italia. Le squadre, ciascuna con un minimo di 5 e un massimo di 10 componenti, sono rappresentative di tutta la penisola, da Avellino a Zevio; le Regioni italiane sono state tutte coinvolte. Le dimostrazioni si terranno in piazze, centri commerciali e scuole, luoghi di interesse e incontro molto frequentati, con l’augurio che l'affluenza sia più alta possibile.

“Sulle nostre magliette – spiega Antonio Vitale, direttore dell’unità operativa di pediatria dell’azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino e ideatore della manifestazione – quest’anno ci sarà la scritta “10° edizione”: dieci anni fa, infatti, quando ancora ricoprivo la carica di presidente nazionale SIMEUP, venni a sapere che due bambini erano morti per soffocamento a scuola, e subito pensai che la Società doveva impegnarsi per cercare di evitare altre simili tragedie. Riuscimmo a coinvolgere una decina di piazze italiane, che anno dopo anno sono aumentate fino a superare le 50 sedi attuali, con un entusiasmo crescente. Ogni anno come SIMEUP produciamo magliette di colori diversi e materiale grafico di facile divulgazione, da mostrare e distribuire alle famiglie, alle scuole o alle associazioni, e tutto viene interamente finanziato dai nostri iscritti. Quando abbiamo notizia che una maestra della scuola dell’infanzia, un poliziotto, una mamma o altri eroi dei nostri giorni - formati grazie al nostro peregrinare per le piazze - hanno salvato la vita a un bambino grazie a noi, la felicità ci ripaga di tutto. La SIMEUP è molto orgogliosa di essere in piazza con gli amici della Croce Rossa e della Misericordia e di aver visto in questi anni crescere l’interesse del Ministero della Salute e di altri soggetti: insieme formiamo il 20% di tutta la popolazione nazionale, percentuale minima di garanzia di intervento”.

“Sul fronte della prevenzione degli incidenti la SIMEUP è da sempre molto attiva – spiega Vincenza Corsi di Simeup - e in questo evento crede in modo particolare. Solitamente la popolazione si dimostra curiosa e disponibile – continua Corsi - e la partecipazione è sempre alta ma mai abbastanza, considerata l'importanza del messaggio che vogliamo trasmettere. Spesso leggiamo di eventi drammatici, di bambini morti mentre giocavano o mangiavano un pomodorino o una caramella: sarebbe bastata una semplice manovra per salvarli”. Una Manovra per la vita, appunto.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Creati primi embrioni pecora-uomo: passo avanti per il trapianto di organi

Far crescere organi umani all'interno di animali per poi trapiantarli nei pazienti: adesso questa possibilità non è più così remota

Milano, laboratorio del nuovo dipartimento di scienze ambientali

Team italiano isola gene che resiste ad antibiotico anti infezioni

La scoperta si colloca nell'ambito del preoccupante aumento delle resistenze agli antibiotici, dovuto al loro uso inappropriato anche negli animali

Leucemia, primo bimbo salvato con la terapia genica in Italia

Trattato con la tecnologia CarT, immunoterapia con linfociti riprogrammati, all'ospedale Bambino Gesù di Roma