Sabato 11 Febbraio 2017 - 12:15

Fisco, Unimpresa: Roma, Torino, Napoli le città più tassate

Si tratta dei i capoluoghi di Regione con le aliquote fiscali più alte, secondo i dati della 'Mappa del fisco locale in Italia'

Il colosseo visto dopo il restauro

Sono Roma, Torino, Napoli, Genova, Bologna, Ancona e Campobasso le città 'più tassate' d'Italia, cioè i capoluoghi di Regione con le aliquote fiscali più alte per quanto riguarda Irap, Irpef, Imu e Tasi. Queste sette città hanno inoltre, in tre casi su quattro, i livelli più alti di imposte sulle imprese e sulle famiglie, sui capannoni industriali e sulle case. E' quanto risulta dalla 'Mappa del fisco locale in Italia' realizzata dal Centro studi di Unimpresa analizzando dati dell'Agenzia delle Entrate, della Corte dei conti e del Dipartimento Finanze. Le sette le città in questione hanno ottenuto tre punti su un massimo di quattro dal Centro studi di Unimpresa, che ha incrociato i dati dei tributi locali.

A Roma, segnala l'associazione, si paga il 4,82% di Irap, il 4,23% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu. A Torino si paga il 4,13% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Napoli si paga il 4,97% di Irap, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Genova e Bologna si paga il 3,13% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. Ad Ancona si paga il 4,73% di Irap, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Campobasso si paga il 4,97% di Irap, il 3,43% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu.

Due punti, nella classifica di Unimpresa sul fisco locale, ad altre sette città: Firenze, Palermo, Perugia, Bari, Potenza, Trieste e Catanzaro. Un solo punto è andato a Milano, Cagliari, L'Aquila, Aosta, Trento e Bolzano. Venezia, con zero punti, è l'unica città dove il prelievo è sempre sotto le soglie più alte: nel capoluogo della regione Veneto si paga il 3,90% di Irap, il 2,03% di addizionali Irpef (1,23% regionale e 0,80% comunale), lo 0,81% di Imu e lo 0,29% di Tasi.

 "Ci sono troppe differenze a livello territoriale per quanto riguarda il prelievo fiscale e si tratta di differenze che non aiutano la ripresa così come gli investimenti delle imprese. Serve un ragionamento complessivo, che il governo dovrà fare quando, auspichiamo al più presto, vorrà lavorare a una serie riforma tributaria che deve essere organica", dichiara il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, commentando i dati della ricerca.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fitch boccia l'Italia e abbassa il rating a 'BBB': Rischio governo debole e populismo

Fitch abbassa rating Italia: Rischio governo debole e populismo

L'agenzia denuncia poi un peggioramento fiscale e l'instabilità del settore bancario

Montezemolo rinuncia alla vicepresidenza di Unicredit

Montezemolo rinuncia alla vicepresidenza di Unicredit

Anticipa il rinnovo del consiglio di amministrazione, che avverrà con l'assemblea 2018

Padoan: La disoccupazione giovanile inaccettabilmente elevata

Padoan: Indegno disoccupazione giovanile sia così elevata

"La crescita non ci entusiasma non possiamo dirci soddisfatti"

L'11,9% delle famiglie italiane è in grave difficoltà economica: allarme per gli anziani

L'11,9% delle famiglie italiane è in grave difficoltà economica

Secondo l'Istat "la ripresa economica e del mercato del lavoro non sta riducendo alcuni sintomi di disagio"