Sabato 11 Febbraio 2017 - 12:15

Fisco, Unimpresa: Roma, Torino, Napoli le città più tassate

Si tratta dei i capoluoghi di Regione con le aliquote fiscali più alte, secondo i dati della 'Mappa del fisco locale in Italia'

Il colosseo visto dopo il restauro

Sono Roma, Torino, Napoli, Genova, Bologna, Ancona e Campobasso le città 'più tassate' d'Italia, cioè i capoluoghi di Regione con le aliquote fiscali più alte per quanto riguarda Irap, Irpef, Imu e Tasi. Queste sette città hanno inoltre, in tre casi su quattro, i livelli più alti di imposte sulle imprese e sulle famiglie, sui capannoni industriali e sulle case. E' quanto risulta dalla 'Mappa del fisco locale in Italia' realizzata dal Centro studi di Unimpresa analizzando dati dell'Agenzia delle Entrate, della Corte dei conti e del Dipartimento Finanze. Le sette le città in questione hanno ottenuto tre punti su un massimo di quattro dal Centro studi di Unimpresa, che ha incrociato i dati dei tributi locali.

A Roma, segnala l'associazione, si paga il 4,82% di Irap, il 4,23% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu. A Torino si paga il 4,13% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Napoli si paga il 4,97% di Irap, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Genova e Bologna si paga il 3,13% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. Ad Ancona si paga il 4,73% di Irap, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Campobasso si paga il 4,97% di Irap, il 3,43% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu.

Due punti, nella classifica di Unimpresa sul fisco locale, ad altre sette città: Firenze, Palermo, Perugia, Bari, Potenza, Trieste e Catanzaro. Un solo punto è andato a Milano, Cagliari, L'Aquila, Aosta, Trento e Bolzano. Venezia, con zero punti, è l'unica città dove il prelievo è sempre sotto le soglie più alte: nel capoluogo della regione Veneto si paga il 3,90% di Irap, il 2,03% di addizionali Irpef (1,23% regionale e 0,80% comunale), lo 0,81% di Imu e lo 0,29% di Tasi.

 "Ci sono troppe differenze a livello territoriale per quanto riguarda il prelievo fiscale e si tratta di differenze che non aiutano la ripresa così come gli investimenti delle imprese. Serve un ragionamento complessivo, che il governo dovrà fare quando, auspichiamo al più presto, vorrà lavorare a una serie riforma tributaria che deve essere organica", dichiara il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, commentando i dati della ricerca.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Fox, raggiunto accordo con Disney per 38 dollari ad azione

L'acquisizione degli asset costerà alla multinazionale di Burbank un totale di 71,3 miliardi di dollari

Volkswagen e Ford: al via l'intesa per un'alleanza strategica

Firmato un memorandum tra le due grandi case automobilistiche: "Opportunità per essere più competitivi"

CAMBIO EURO-DOLLARO - EURO AI MASSIMI STORICI SUL DOLLARO

Allarme Ocse: "Partiti populisti possono frenare Pil eurozona"

L'italia è in coda ai partner della moneta unica per crescita nel biennio in corso

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Def, approvata risoluzione di maggioranza: stop aumento Iva e accise

Il ministro Tria alla Camera: "Essenziale l'impegno sul debito". E sull'Eurozona: "Serve profonda riforma, gravi inadeguatezze"