Sabato 11 Febbraio 2017 - 12:15

Fisco, Unimpresa: Roma, Torino, Napoli le città più tassate

Si tratta dei i capoluoghi di Regione con le aliquote fiscali più alte, secondo i dati della 'Mappa del fisco locale in Italia'

Il colosseo visto dopo il restauro

Sono Roma, Torino, Napoli, Genova, Bologna, Ancona e Campobasso le città 'più tassate' d'Italia, cioè i capoluoghi di Regione con le aliquote fiscali più alte per quanto riguarda Irap, Irpef, Imu e Tasi. Queste sette città hanno inoltre, in tre casi su quattro, i livelli più alti di imposte sulle imprese e sulle famiglie, sui capannoni industriali e sulle case. E' quanto risulta dalla 'Mappa del fisco locale in Italia' realizzata dal Centro studi di Unimpresa analizzando dati dell'Agenzia delle Entrate, della Corte dei conti e del Dipartimento Finanze. Le sette le città in questione hanno ottenuto tre punti su un massimo di quattro dal Centro studi di Unimpresa, che ha incrociato i dati dei tributi locali.

A Roma, segnala l'associazione, si paga il 4,82% di Irap, il 4,23% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu. A Torino si paga il 4,13% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Napoli si paga il 4,97% di Irap, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Genova e Bologna si paga il 3,13% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. Ad Ancona si paga il 4,73% di Irap, l'1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi. A Campobasso si paga il 4,97% di Irap, il 3,43% di addizionali Irpef, l'1,06% di Imu.

Due punti, nella classifica di Unimpresa sul fisco locale, ad altre sette città: Firenze, Palermo, Perugia, Bari, Potenza, Trieste e Catanzaro. Un solo punto è andato a Milano, Cagliari, L'Aquila, Aosta, Trento e Bolzano. Venezia, con zero punti, è l'unica città dove il prelievo è sempre sotto le soglie più alte: nel capoluogo della regione Veneto si paga il 3,90% di Irap, il 2,03% di addizionali Irpef (1,23% regionale e 0,80% comunale), lo 0,81% di Imu e lo 0,29% di Tasi.

 "Ci sono troppe differenze a livello territoriale per quanto riguarda il prelievo fiscale e si tratta di differenze che non aiutano la ripresa così come gli investimenti delle imprese. Serve un ragionamento complessivo, che il governo dovrà fare quando, auspichiamo al più presto, vorrà lavorare a una serie riforma tributaria che deve essere organica", dichiara il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, commentando i dati della ricerca.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fca, Great Wall Motor conferma interesse per il brand Jeep

Great Wall Motor conferma interesse per Jeep. Fca: "Nessun approccio"

Il titolo è in netto rialzo a Piazza Affari dopo la notizia

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

La testata Automotive News aveva parlato dell'interesse di diversi produttori cinesi per Fiat Chrysler Automobiles

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% annuo

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% su anno

Era dal secondo trimestre del 2011 che il Pil non segnava una crescita così significativa. Genitloni: "Meglio delle pevisioni"

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

In Uk restano banconote con grasso, alternativa è olio di palma

Anche dopo le proteste di animalisti e vegani, la Bank of England ha deciso che non modificherà la composizione del polimero 'incriminato'