Martedì 12 Giugno 2018 - 17:30

Parigi, arrestato uomo armato che ha preso in ostaggio 3 persone tra cui una donna incinta

Il sequestratore aveva chiesto di poter parlare con l'ambasciata dell'Iran. Uno dei rilasciati è rimasto ferito

Parigi, uomo armato prende in ostaggio tre persone

È stato arrestato l'uomo armato che ha preso in ostaggio tre persone, tra cui una donna incinta, a Parigi nel X arrondissement, al civico 45 di rue des Petites-Ecuries.

Il sequestratore aveva detto di avere con sé una bomba e una pistola e aveva sostenuto di avere un complice armato fuori dal palazzo. Aveva inoltre chiesto di poter parlare con l'ambasciata dell'Iran e con il governo francese.

Loading the player...

Come riferisce su Twitter il ministro dell'Interno Gérard Collomb, gli ostaggi sono fuori pericolo. Secondo alcuni media, uno di loro sarebbe rimasto però ferito con un colpo di chiave inglese all'altezza dell'occhio. L'operazione è stata portata a termine dalla Brigade de recherche et d'intervention della polizia francese, dalla prefettura di polizia e dai pompieri di Parigi.

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-GOVERNMENT-MIGRANTS-DICIOTTI

Nave Diciotti sbarcherà a Catania. Toninelli: "Ora tocca all'Ue"

Salvini: "L'Europa si ricordi di esistere". E la procura di Agrigento apre un'inchiesta

Catalogna, migliaia in piazza a Barcellona dopo arresto Puigdemont

Spagna, armato di coltello assalta commissariato urlando 'Allahu Akbar': ucciso. Polizia: "Atto terroristico"

L'uomo ha fatto irruzione a Cornellà de Llobregat (Barcellona). Gli agenti hanno cercato di respingere l'attacco prima di aprire il fuoco

TOPSHOT-FRANCE-CANNES-FILM-FESTIVAL

Nyt: Asia Argento versa 380mila dollari al giovane attore che l'accusa di violenza sessuale

Jimmy Bennett ha accusato l'attrice italiana di averlo aggredito nella stanza di un hotel in California, nel 2013, quando lui aveva 17 anni

Coree, 89 cittadini del Sud varcano confine per incontrare i loro parenti dopo 68 anni

Hanno attraversato il confine con il Nord per riabbracciare i familiari che non avevano più visto dalla Guerra (1950-1953)