Mercoledì 15 Novembre 2017 - 16:30

Usa, primo Dna modificato su un paziente: nuova tecnica per curare malattie rare

I primi risultati dell'innovativo esperimento, realizzato lunedì in California sul 44enne Brian Madeux, arriveranno tra un mese

Per la prima volta degli scienziati hanno provato a modificare un gene direttamente all'interno del corpo di un paziente nel tentativo di cambiare in modo permanente il Dna di una persona per curare una malattia. A riferire dell'esperimento, realizzato lunedì in California sul 44enne Brian Madeux, è l'agenzia Associated Press, ripresa da diversi media Usa. I primi risultati per valutare l'efficacia dell'innovativa procedura sono attesi tra un mese, mentre i test daranno certezza in proposito fra tre mesi.

Madeux, che soffre di una rara malattia metabolica chiamata Hunter, ha detto di "volersi assumere il rischio" di essere il primo a sottoporsi alla nuova procedura, "sperando che aiuti lui e altre persone".

Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti

Lancio di palloncini e Duomo illuminato di rosa per la ricerca contro il cancro

Un figlio dopo il cancro. Sette donne su dieci ci riescono

Uno studio di Institute Marques (Barcellona). Le tecniche lo permettono e la recidiva è molto bassa

Ospedale Molinette di Torino

Torino, trapianto di rene su paziente sveglio con rara malattia congenita

L'intervento di quasi 5 ore è avvenuto con sola anestesia combinata peridurale e spinale