Sabato 19 Agosto 2017 - 13:15

Vacanze finite? Formaggio, vino e olio souvenir più gettonati

Tornano 38mila italiani che hanno scelto il Belpaese come meta delle ferie

Al via il primo grande rientro per i 38 milioni di italiani che hanno deciso di andare in vacanza nell'estate 2017. Crescono gli italiani che hanno deciso di partire per le ferie con un aumento del 9% rispetto allo scorso anno e un trend positivo che la classifica a livello internazionale come la migliore del decennio sulla base delle previsioni della World Tourist Organization (UNWTO). È quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixè.

Gli italiani continuano ad amare il Belpaese: ben il 78% è restato in Italia mentre appena il 2% in Africa, la percentuale piu bassa tra i Paesi extracomunitari. L'abbandono di mete considerate pericolose riguarda in realtà il turismo internazionale nel suo complesso con la Turchia, la Tunisia, l'Egitto in grande sofferenza. Al contrario si registra - continua la Coldiretti - un aumento degli stranieri che scelgono l'Italia come Paese più sicuro rispetto ai problemi legati al terrorismo anche in relazione ad altre destinazioni europee. E se è il mare a fare la parte del leone per 7 italiani su 10 (69%), seguito dalla montagna con il 17%, si assiste al successo di alternative meno affollate con la campagna che è scelta dal 9% dei vacanzieri.

Il cibo di qualità è il souvenir più gettonato da riportare a casa. Più di un italiano su tre (36%), infatti, in vacanza acquista prodotti alimentari tipici per avere un ricordo gustoso del territorio da donare a se stesso o agli altri. La tendenza verso spese utili spinge all'acquisto di prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve piuttosto che gadget, portachiavi, magliette.

L'Italia - sottolinea Coldiretti - ha conquistato la leadership mondiale nel turismo enogastronomico grazie a 291 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario. Dalla mozzarella di bufala in Campania al formaggio Asiago in Veneto, dal pecorino della Sardegna al prosciutto San Daniele nelle montagne del Friuli, dal vino Barolo del Piemonte alla Fontina in Valle d'Aosta, dal limoncello campano al Caciocavallo del Molise: sono questi i 'souvenir' più richiesti dai turisti.

Il 75% degli italiani in vacanza durante l'estate 2017 ha visitato frantoi, malghe, cantine, aziende, sagre, agriturismi o mercati degli agricoltori per acquistare prodotti locali a chilometri zero direttamente dai produttori e ottimizzare il rapporto prezzo/qualità ma - sottolinea la Coldiretti - anche per conoscere la storia, la cultura e le tradizione che racchiude il prodotto. In molti casi la vendita è accompagnata anche dalla possibilità di assaggi e degustazioni 'guidate', che consentono di fare una scelta consapevole difficilmente possibile altrove, ma anche di verificare personalmente i processi produttivi in un ambiente naturale tipico della campagna. 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Selinunte, la città sepolta: "L'area archeologica più grande del mondo"

Trovata dai geologi dell'Università di Camerino con l'ausilio delle termocamere. Ha circa 5000 anni. Ora dovranno intervenire gli archeologi

L'Italia bella e "gustosa" dei borghi: una mappa gourmet

Sono 5567 i paesini da scoprire che combinano la ricchezza culturale con quella enogastronomica

Piazza Venezia piantati 2400 ciclamini raffigurante la bandiera italiana

È record per il turismo italiano: oltre 420 milioni di presenze, il 4,2% in più sul 2016

Un nuovo record storico per il Paese: solo nelle festività invernali i turisti saranno circa 16,8 milioni

Nevicata serale a Venezia

Quando partire a Natale costa di meno: le 10 città italiane consigliate da TripAdvisor

In inverno i prezzi possono scendere fino al 40% nelle città italiane: ecco i viaggi ideali da regalare a Natale