Sabato 02 Settembre 2017 - 13:45

Venezia 74, grande attesa per l'inquieto 'Suburbicon' di George Clooney

La sceneggiatura è firmata in collaborazione con i fratelli Coen. Nel cast Matt Damon e Julliane Moore

Venezia 74, grande attesa per 'Suburbicon' di George Clooney

Grande attesa oggi alla 74esima Mostra del cinema di Venezia per la presentazione di 'Suburbicon', l'ultimo lavoro di George Clooney, in Laguna con la Moglie Amal. La sceneggiatura è firmata dallo stesso Clooney, dai fratelli Joel e Ethan Coen e da Grant Heslov e interpretato dall'amico di lungo corso Matt Damon, da Julianne Moore, Noah Jupe e Oscar Isaac.

Suburbicon è una pacifica e idilliaca comunità periferica caratterizzata da case a buon mercato e giardini ben curati, il luogo perfetto dove crescere una famiglia. È esattamente quello che stanno facendo i Lodge nell'estate del 1959. Tuttavia, l'apparente tranquillità cela una verità inquietante, quando il marito e padre Gardner Lodge è costretto a farsi strada nel lato oscuro della città, fatto di tradimento, inganno e violenza. Questa è la storia di persone imperfette e delle loro scelte sbagliate. Questa è Suburbicon.

I fratelli Coen firmarono la sceneggiatura originale di Suburbicon negli Anni ottanta, ma il film non fu mai realizzato e venne accantonato. L'anno scorso Clooney e il suo socio Grant Heslov stavano lavorando a una storia accaduta a Levittown, Pennsylvania, nel 1957. "Chiamai i fratelli Coen - racconta Clooney - per chiedere loro se potevamo provare a dare un'occhiata al copione e farne un film storico ambientandolo in una città come Levittown. Loro si dimostrarono entusiasti, e noi ci mettemmo subito al lavoro. È un film che volevo fare perchè mi piacevano i temi. Mi sembrava un momento appropriato per parlare di muri e minoranze che fanno da capro espiatorio, anche se all'interno di un thriller insolito. Ho sempre amato l'idea di un omicidio consumato in una città perfetta con tutta la gente che guarda nella direzione sbagliata. È la storia di un'epoca e di un luogo dai quali, purtroppo, non ci siamo mai veramente allontanati".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Photocall del film "The post"

The Post, Spielberg racconta il giornalismo: “Con Trump la libertà di stampa è in pericolo”

Il regista Steven Spielberg e i protagonisti Tom Hanks e Meryl Streep a Milano per presentare in anteprima il loro prossimo film, inelle sale italiane dale 1 febbraio

Catherine Deneuve chiede scusa: "Abbraccio le vittime delle molestie"

L'attrice francese non si pente della firma sotto l'appello alla "libertà di molestare". Ma chiede scusa a chi si è sentita offesa

The Weinstein Company Presents A Special Screening of "DJango Unchained"

Cinema, è ufficiale: DiCaprio nel nuovo film di Tarantino su Charles Manson

Attore e regista di nuovo insieme dopo Django Unchained. La pellicola sarà incentrata sul pluriomicida mandante della strage in cui fu uccisa Sharon Tate, incinta di 8 mesi moglie del regista Polanski

Roma, Premio Giuliano Gemma

Hollywood, una stella per Gina Lollobrigida: è la 14ma italiana sulla Walk of Fame

Il primo febbraio l'icona del cinema riceverà il riconoscimento a Los Angeles