Lunedì 17 Luglio 2017 - 09:15

Venezuela, oltre 7 milioni al voto. Il referendum boccia Maduro

Successo della consultazione informale promossa dalle opposizioni: 98% di "no" al cambiamento della Costituzione. Tensione: due persone uccise

Opposition supporters count votes at a polling station after an unofficial plebiscite against President Nicolas Maduro's government and his plan to rewrite the constitution, in Caracas

Oltre sette milioni di persone (7.186.170) si sono espresse in Venezuela nel referendum informale contro il piano del presidente Nicolas Maduro di riscrivere la Costituzione. Lo riferisce, in base al 95% dei voti scrutinati, il rettore della Universidad Central de Venezuela (UCV), Cecilia García Arocha, che insieme ad altri rettori di atenei, fa parte della commissione dei garanti della consultazione promossa dalle opposizioni

.

Secondo la commissione garante venezuelana almeno il 98 per cento degli elettori si sono espressi contro la decisione del presidente Maduro di istituire una Assemblea costituente senza il sostegno della nazione.

Il voto si è svolto in un'atmosfera di grande tensione. Almeno due persone sarebbero state uccise Lo riferisce il portavoce dell'opposizione Carlos Ortiz. Un attacco "paramilitare" è stato sferrato a un seggio elettorale a Catia, a nord ovest di Caracas

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Messico blocca la vendita della Barbie-Frida Kahlo

Il giudice ha dato ragione alla famiglia dell'artista, che rivendicava di essere l'unica proprietaria dei diritti di immagine

PALESTINIAN-ISRAEL-GAZA-CONFLICT

Gaza, quattro palestinesi uccisi da spari Israele: sono 38 dal 30 marzo

Nuove vittime nel quarto venerdì consecutivo di mobilitazione massiccia al confine

FILES-US-BRITAIN-RUSSIA-ESPIONAGE-HISTORY

Usa, Putin disse a Trump: "Abbiamo le prostitute più belle del mondo"

È solo una delle frasi contenute nei memo dell'allora direttore dell'Fbi James Comey

Il mea culpa dell'Eta: "Ci scusiamo per il dolore causato"

Il gruppo separatista dei Paesi Baschi si dichiara pentito e chiede perdono alle vittime