Martedì 17 Aprile 2018 - 08:30

Voto di scambio, arrestato deputato della Regione Sicilia

In carcere Giuseppe Gennuso, della lista Popolari e Autonomisti (centrodestra). Altre persone coinvolte nell'inchiesta

Rosario Crocetta riferisce all'Ars per la prima volta dalla diffusione della presunta intercettazione

Il parlamentare regionale siciliano Giuseppe Gennuso, 65 anni, della lista di centrodestra Popolari ed Autonomisti, è stato arrestato ieri sera dai carabinieri del comando provinciale di Siracusa. "Pippo Gennuso", imprenditore e politico è alla quarta legislatura all'Assemblea Regionale Siciliana. Alle recenti elezion i regionali è stato eletto nel collegio di Siracusa con oltre 6.500 preferenze. Secondo quanto riporta il sito de 'La Sicilia', per l'uomo l'accusa è di voto di scambio. Sull'inchiesta, che vede coinvolte altre persone, vige il massimo riserbo da parte degli inquirenti della Dda di Catania. DOggi alle 11 è stata convocata una conferenza stampa presso il Tribunale della città etnea

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito