Giovedì 12 Ottobre 2017 - 15:00

Weah presidente della Liberia? Maldini si congratula, ma è mistero

Complimenti anche da Desailly. La stampa africana è, però, molto cauta sulla sua elezione

Weah presidente della Liberia, Maldini si congratula. Ma è mistero

E' mistero sulla elezione di George Weah a presidente della Liberia. Con un post sui social network, Paolo e Maldini e Marcel Desailly, si sono congratulati con il loro ex compagno di squadra del Milan ma in realtà la vittoria non è ancora ufficiale. "Congratulazione a Mr Le #président George Weah. Lavora duro per fare la differenza per la tua gente", scrive Desailly. "Sono sicuro che l'uomo umile e generoso che ho incontrato vent'anni fa sarà il leader perfetto per il suo popolo", scrive invece Maldini. Sono ore d'attesa per Weah, unico africano ad aver vinto il Pallone d'Oro, al momento la stampa africana è molto cauta sulla sua elezione. L'account twitter della commissione elettorale della Liberia ha infatti diffidato dal credere a notizie non ufficiali. Nelle scorse ore è spuntato anche un tweet di congratulazioni di un politico liberiano, ma successivamente si è scoperto essere falso.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"

Corea oltre le Olimpiadi, viaggio al confine tra Nord e Sud: "Ripartiamo dalla bandiera unita"

Nella zona demilitarizzata si respira ibisco e tensione, tra chi vorrebbe l'unità e chi ne ha paura