Giovedì 12 Ottobre 2017 - 15:00

Weah presidente della Liberia? Maldini si congratula, ma è mistero

Complimenti anche da Desailly. La stampa africana è, però, molto cauta sulla sua elezione

Weah presidente della Liberia, Maldini si congratula. Ma è mistero

E' mistero sulla elezione di George Weah a presidente della Liberia. Con un post sui social network, Paolo e Maldini e Marcel Desailly, si sono congratulati con il loro ex compagno di squadra del Milan ma in realtà la vittoria non è ancora ufficiale. "Congratulazione a Mr Le #président George Weah. Lavora duro per fare la differenza per la tua gente", scrive Desailly. "Sono sicuro che l'uomo umile e generoso che ho incontrato vent'anni fa sarà il leader perfetto per il suo popolo", scrive invece Maldini. Sono ore d'attesa per Weah, unico africano ad aver vinto il Pallone d'Oro, al momento la stampa africana è molto cauta sulla sua elezione. L'account twitter della commissione elettorale della Liberia ha infatti diffidato dal credere a notizie non ufficiali. Nelle scorse ore è spuntato anche un tweet di congratulazioni di un politico liberiano, ma successivamente si è scoperto essere falso.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime