Mercoledì 10 Gennaio 2018 - 19:00

Weinstein aggredito in un ristorante: "Sei un pezzo di m..." VIDEO

Il produttore coinvolto nello scandalo molestie insultato da un cliente in un locale in Arizona

Harvey Weinstein è stato aggredito in un ristorante di Scottsdale, in Arizona, mentre era a cena con il 'coach' del centro di riabilitazione dov'è in cura. Secondo quanto riporta il sito Tmz, il produttore, travolto dallo scandalo molestie, è stato insultato e schiaffeggiato lievemente da un cliente, che inizialmente lo aveva avvicinato chiedendogli un foto. Weinstein, stando a quanto riferito dall'uomo a Tmz, avrebbe rifiutato in maniera scontrosa e da lì sarebbe partita la sua reazione. Secondo il direttore del ristorante, invece, l'ex capo di Miramax avrebbe risposto di 'no' ma in maniera educata.

In ogni caso, come mostra un video pubblicato sul sito, ad un certo punto il cliente ha iniziato ad insultarlo chiamandolo 'pezzo di m...' ed esortandolo ad uscire dal locale. L'audio non è chiaro ma, secondo altri media americani, avrebbe proseguito dicendo "per quello che hai fatto alle donne". Dopo l'episodio, il produttore ha deciso di non chiamare la polizia e ha lasciato il ristorante.

 

 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Georgia, prima donna di colore candidata come governatrice

Stacey Abrams ha vinto le primarie democratiche, a novembre le elezioni

Bruxelles, Mark Zuckerberg al parlamento europeo

Facebook, Zuckerberg si scusa all'Ue. "No ingerenze in future elezioni"

Il fondatore del social network al Parlamento europeo. Tajani: "Monitoreremo"

Donald Trump riceve il presidente sudcoreano Moon Jae-in alla Casa Bianca

Nord Corea, Trump: "Possibile un rinvio del vertice con Kim"

L'incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano è fissato per il 12 giugno a Singapore

Usa, il senato conferma Gina Haspel come direttore della CIA

Dazi, dopo la pace con gli Usa la Cina taglia tariffe su import auto

E intanto si avvicina la data in cui anche l'Unione Europea saprà la decisione di Trump