Martedì 13 Febbraio 2018 - 16:00

Wikileaks, Gran Bretagna conferma mandato d'arresto Assange

Dal 2012 il fondatore di Wikileaks è rifugiatonell'ambasciata dell'Ecuador a Londra per evitare l'estradizione in Svezia

Julian Assange extradition

La giustizia britannica ha deciso di confermare il mandato d'arresto nei confronti del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange

La giudice Emma Arbuthnot ha respinto il secondo tentativo dell'australiano di far revocare la misura nei suoi confronti. A causa del mandato d'arresto verrebbe arrestato, se uscisse dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra dove è rifugiato dal 2012 per evitare l'estradizione in Svezia, dove è stato accusato di presunti aggressione sessuale e stupro, accuse che lui respinge. La giudice non ha accolto la posizione degli avvocati difensori, secondo cui mantenere il mandato d'arresto non sarebbe più nell'interesse pubblico.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-COHEN

Usa, ex avvocato Trump accetta accordo di colpevolezza

Le accuse derivano da prestiti ottenuti da Michael Cohen per le compagnie di taxi di New York che possiede

US-POLITICS-TRUMP-ICE

Usa, Trump abolisce norme di Obama su emissioni centrali a carbone

I singoli Stati avranno la flessibilità per fissare i propri standard anziché seguire quelli federali

Argentina, commemorazione 42° anniversario del colpo di stato del 1976

Addio a fondatrice 'Nonne plaza Mayo': una vita per i desaparecidos

María Isabel Chorobik de Mariani ha dedicato ogni singola energia per trovare sua nipote Clara e gli altri bambini rapiti e affidati alle famiglie dei militari

Prager Fr¿hling 1968 - Studenten am Grab Masaryks

Primavera di Praga: 50 anni fa l'invasione Urss che spezzò il sogno

Nella notte fra il 20 e il 21 agosto del 1968, una trentina di divisioni sovietiche, uccisero una quindicina di giovani cechi