Martedì 13 Febbraio 2018 - 16:00

Wikileaks, Gran Bretagna conferma mandato d'arresto Assange

Dal 2012 il fondatore di Wikileaks è rifugiatonell'ambasciata dell'Ecuador a Londra per evitare l'estradizione in Svezia

Julian Assange extradition

La giustizia britannica ha deciso di confermare il mandato d'arresto nei confronti del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange

La giudice Emma Arbuthnot ha respinto il secondo tentativo dell'australiano di far revocare la misura nei suoi confronti. A causa del mandato d'arresto verrebbe arrestato, se uscisse dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra dove è rifugiato dal 2012 per evitare l'estradizione in Svezia, dove è stato accusato di presunti aggressione sessuale e stupro, accuse che lui respinge. La giudice non ha accolto la posizione degli avvocati difensori, secondo cui mantenere il mandato d'arresto non sarebbe più nell'interesse pubblico.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PyeongChang 2018, si chiudono le 'Olimpiadi della pace'. Ma il dialogo continua

Dopo la tregua olimpica il sogno della riunificazione diventerà realtà?

Xi Jinping presidente senza limiti: la Cina vuole cambiare la Costituzione

Il partito vuole eliminare la clausola che prevede lo stop dopo due mandati consecutivi. Così Xi diventa più potente di Mao