Martedì 14 Febbraio 2017 - 19:45

Yellen a Trump: immigrazione fonte importante di forza lavoro

La presidente della Fed in audizione al Senato americano

Yellen: I cambiamenti di Trump potrebbero cambiare outlook

 "I cambiamenti nella politica fiscale o di altre politiche economiche potrebbero potenzialmente influenzare le prospettive economiche". Lo ha detto la presidente della Fed, Janet Yellen, di fronte alla commissione bancaria del Senato Usa. "E' troppo presto per sapere quali cambiamenti politici saranno messi in atto o come i loro effetti economici si dispiegheranno", ha proseguito Yellen. Il nuovo presidente Usa, Donald Trump, ha annunciato un allentamento della regolamentazione finanziaria senza però fornire dettagli chiari, stessa cosa per i tagli alle tasse promessi e per la spesa in infrastrutture.

"Vorrei sperare inoltre che i cambiamenti in politica fiscale siano coerenti con l'indirizzamento dei conti pubblici statunitensi su una traiettoria sostenibile", ha proseguito la capa della Fed. Yellen ha chiarito di non voler suggerire specifiche proposte fiscali e di spesa, ma ha esortato i politici a considerare l'importanza di rendere le aziende statunitensi più efficienti, questione che gli economisti ritengono essenziale per elevare gli standard di vita a lungo termine. 

"L'immigrazione è una fonte importante della crescita della forza lavoro" ha sottolineato Yellen, rispondendo alle domande di fronte alla commissione bancaria del Senato Usa, come riporta il Wall Street Journal.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Car emissions figures

Germania, Amburgo è la prima città a imporre divieti a veicoli diesel

I veicoli che non rispettino gli standard di emissioni Euro 6 non potranno circolare in una zona di 580 metri della trafficata Max-Brauer-Allee

Georgia, prima donna di colore candidata come governatrice

Stacey Abrams ha vinto le primarie democratiche, a novembre le elezioni

Bruxelles, Mark Zuckerberg al parlamento europeo

Facebook, Zuckerberg si scusa all'Ue. "No ingerenze in future elezioni"

Il fondatore del social network al Parlamento europeo. Tajani: "Monitoreremo"